Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Consumatori #ASTEnetevi dall’acquisto di prodotti sottocosto, perchè…

Mi vien da dire che con la mia iniziativa solitaria raccontata nel post 10 giorni di sottocosto al super. Bello, ma chi lo paga il sottocosto?, di fatto ho anticipato questa Campagna 🙂

In realtà chiunque lavori nel settore produzione ed abbia a che fare con clienti di peso è vittima abituale della prevaricazione; talvolta ci si può ribellare, come raccontavo nel post Listino bloccato per 12 mesi, sconto 10%, varie ed eventuali. E poi? Ti lavo anche la macchina?, ma in altre situazioni, tanto più per chi ha la necessità di vendere alla GdO, la cosa diventa difficile.

Ed infatti nell’articolo de Il Salvagente si trova questo passaggio che la dice lunga: E’ un sistema che si sostiene grazie al fatto che l’alternativa è perdere la possibilità di lavorare con la grande distribuzione, un lusso che in pochi possono permettersi nel momento in cui il 70% degli acquisti alimentari passa per i punti vendita della GDO.

Resta il fatto che da produttore (non alimentare) so benissimo che talvolta puoi lavorare alla pari, ma il sottocosto porta solo alla morte dell’azienda, visto che i conti devono tornare.

Tra l’altro la filosofia alla base di questo meccanismo di aste al ribasso è la stessa che vediamo in ognui tipo di appalto, pubblico o privato, e che fa solo danni, dato che per offrire costantemente a meno, senza chiudere l’attività, va da sè che devi risparmiare sulla Qualità ed al costo del lavoro.

Vedi: – 85%…? Anche agli appalti al ribasso ci deve essere un limite

La Campagna FilieraSporca lancia #ASTEnetevi, una campagna per l’abolizione delle Aste al doppio ribasso (aste elettroniche inverse) e della vendita a sottocosto dei prodotti alimentari.

La Campagna #ASTEnetevi chiama inoltre i cittadini e i consumatori ad agire scrivendo sia alla grande distribuzione, affinché rinunci alla pratica delle aste on line al doppio ribasso nell’acquisto di prodotti alimentari.

“La GDO – spiegano i promotori della campagna – fa sedere attorno a una piattaforma virtuale i propri fornitori chiedendo loro di avanzare un’offerta per una grande quantità di un certo prodotto. 

Sulla base dell’offerta più bassa la GDO convoca successivamente una seconda asta on line che in poche ore chiama i partecipanti a rilanciare, con un evidente paradosso, per ribassare ulteriormente il prezzo di vendita di quel prodotto”. 

Strettamente collegato al fenomeno delle aste al doppio ribasso è la vendita “sotto costo” dei prodotti alimentari che distoglie il consumatore dalla qualità reale del prodotto che acquista.

lettura integrale qui: #ASTEnetevi, la campagna contro le aste al doppio ribasso: “Così la Gdo schiaccia i lavoratori” | il Salvagente

Advertisements

2 commenti su “Consumatori #ASTEnetevi dall’acquisto di prodotti sottocosto, perchè…

  1. IlPrincipeBrutto
    27 marzo 2017

    Come gia’ scrisse uno dei migliori blogger in assoluto:
    .

    .
    Il #lowcost è quella cosa dove risparmi zero virgola un cazzo, consumi merda e qualcuno finisce nei campi di cotone. Potresti essere tu.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe
    .
    PS
    Il Blog del Pedante merita senza alcuna riserva: dategli un’occhiata su: http://ilpedante.org/blog

    • paoblog
      27 marzo 2017

      fra Pedante e Rompicoglioni si andrà d’accordo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: