Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Caro cliente,

Sono inciampato casualmente nel profilo Twitter di Annamaria Anelli, autrice del libro che segnalo oggi e che dovrei far leggere anche a (molti) clienti, come quello di cui racconto qui: Il dono della sintesi, epr tlvt si esgr…

Testo & foto tratte da: dizionaripiu.zanichelli.it

Parliamo di scrittura al lavoro: sai qual è lo stile più adeguato alla tua attività? Quali sono le regole e i trucchi per catturare l’attenzione dei tuoi destinatari?

Per ottenere la fiducia e la collaborazione di colleghi, fornitori e clienti sul lavoro, dobbiamo pensare prima di tutto a chi leggerà i nostri testi e all’effetto che le nostre parole, anche le più semplici, possono sortire: spunti, reazioni, riflessioni.

Per questo tutto ciò che scriviamo, dai chatbot alle email, fino ai messaggi automatici, deve parlare per noi al meglio e trasmettere la giusta immagine della nostra azienda.

Impariamo a risolvere malintesi e conflitti, a gestire i silenzi, a soddisfare e convincere il nostro interlocutore, dentro e fuori dall’azienda.

È questo il potere della scrittura sul lavoro.

L’autrice Annamaria Anelli ci dà alcuni consigli per una scrittura chiara e precisa da utilizzare per la nostra attività professionale.

Insieme alle altre Chiavi di Scrittura, la collana dedicata proprio allo stile e alla sintassi, ti forniamo gli strumenti più adatti a comporre qualsiasi tipo di testo.

Sempre a proposito di scrittura al lavoro, puoi consultare anche il volume “Scrivere un’email” di Luisa Carrada

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: