Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Ennesima email truffaldina, facile da smascherare, se sei attento, ma…

Ricevo un’email in azienda, sull’indirizzo generico info@… pubblicato sul sito e che serve solo per il primo contatto.

Già il fatto che il “new order” non sia stato inviato all’indirizzo vendite@… la dice lunga e fa saltare all’occhio la pericolosità di questa email.

Dopo di che, posso ricevere un ordine senza aver mai inviato un’offerta?

In realtà capita, ma non con l’estero, tuttavia il mondo del lavoro riserva sempre delle sorprese: Non ho mandato l’offerta, ma risulto più caro? E’ un mistero.

E poi, ma chi è questo misterioso Dr. George Edit? Chi ti conosce?

Poi c’è il link cliccabile che, va da sè, dovrebbe far scattare immediatamente un campanello d’allarme, ma so che molti avranno cliccato.

Al poligono l’istruttore una volta mi disse di non premere mai il grilletto senza sapere dove sarebbe andato il proiettile se avessi mancato il bersaglio; qui  vale lo stesso consiglio: non cliccare su un link se non sei certo di dove arriverai. 😉

I più smaliziati, facendo passare il puntatore del mouse sul link avrebbero visto che il sito cui rimandava a katleen…net, ma soprattutto facendo un controllo sui dati del mittente: Maina Group of Companies indicati in calce all’email avrebbero notato che è un’azienda che esiste, ma che il loro sito ha un dominio che non è quello cui fa riferimento l’email in arrivo.

I meno smaliziati, invece, si saranno fatti ingannare dalla dicitura “File scanned by Avast antivirus” con in evidenza il Clean in verde.

Ed avranno cliccato, trovando qualcuno di meno simpatico di questo verme (Worm).

In questo caso puoi cliccare sul link qua sopra, che ti porterà alla pagina di Wikipedia dove spiegano cosa sono i Worm.

Se non mi conosci ed hai cliccato sul link senza verificare che il collegamento porta effettivamente a Wikipedia, allora ho perso tempo… 😀

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: