Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Come si vive (o sopravvive) con 560 € al mese di pensione?

pensieri paroleDopo il post in cui raccontavo il furto della pensione subìto da un conoscente, l’amica Poppea mi accennava a sua madre che di pensione riceve 560 € al mese ed allora le ho chiesto di raccontarmi come si vive con una somma così bassa, perchè tutti si scandalizzano per pensioni così basse, ma poi si passa oltre .. e pochi si soffermano a pensare realmente a come si vive con una pensione che vale meno dell’iPhone per il quale molti si mettono in fila alle 6 del mattino davanti ai negozi…

Ecco il suo racconto…

Si vive al limite della sopravvivenza. La casa fortunatamente l’abbiamo acquistata quando abbiamo ereditato dal nonno metà di una casetta che aveva lui, il resto con i sacrifici miei, che sono anni che non mi faccio una vacanza.

Questo è stato possibile quando c’erano ancora le lire ed io prendevo 2.000.000 al mese. Attualmente prendo 1.200 euro, ma se consideriamo che quello che costava 1000 lire oggi costa 1 euro si può dedurre che il potere di acquisto è dimezzato.

Attualmente non avremmo potuto prenderla una casa. Mia madre compera alimentari “accessori” tipo caffè, ecc, solo quando sono in promozione, si cucina molto evitando di ricorrere ad affettati e cose precotte.

Fortunatamente a Civitavecchia c’è un bel mercato ortofrutticolo dove si può risparmiare comperando verdura a km zero, dato che è prodotta nei dintorni. Per cucinare usa la bombola, non ha il gas in casa, evitando di pagare spese accessorie.

Fortunatamente è una casa molto calda e non c’è impianto di riscaldamento, quando è proprio molto freddo basta accendere un pochino un termo convettore. Compera le scarpe una volta ogni tre anni, ha scarpe di Valleverde che le regalai io che hanno oltre 10 anni.

I vestiti se li cuce e poi io ho un collega che mi porta quello che loro non mettono più, tutta roba di Max Mara e Sisley in buonissimo stato, lui me l’ha portata una volta per il canile e io gli ho detto che l’avrei usata per vestirmi mia madre e per me (proprio ieri una mia amica mi fa’ “bello questo giaccone che indossi” ed io “me lo ha regalato la moglie di un collega”) e lui contentissimo ha continuato a portarmi cose.

Il telefono ovviamente lo pago io e qualche volte la corrente elettrica, l’immondizia, ma essendo una persona sola con casa piccola non è moltissimo.

Come sai quest’estate ho imbiancato io sia l’ingresso che la cucina, la prossima volta toccherà alla camera. Un imbianchino non lo avremmo potuto pagare, anche perché quando tolsi i soldi dal libretto per rifare il bagno poi non ce li ho più messi.

Onestamente non so come avrebbe fatto mia madre se non avesse una casa senza pagare affitto e non ci fossi io, ma credo che considerando gli affitti che si pagano a Civitavecchia avrebbe dovuto accamparsi con una tenda o dormire sotto un ponte.

10 commenti su “Come si vive (o sopravvive) con 560 € al mese di pensione?

  1. Pingback: La mia banca è differente? Si, in effetti lo è… « Paoblog

  2. Pingback: Quando la Casta precipita nel grottesco…(a nostre spese, ovvio) « Paoblog

  3. Pingback: Sanità; ipotesi di riforma del ticket (a nostre spese, ovvio) « Paoblog

  4. Pingback: Un tizio fruga nel cestino: chi sarà? « Paoblog

  5. Pingback: Stop allo scontone Eni, arriva Esselunga. Il mercato si complica e… « Paoblog

  6. Pingback: Pagamenti con il bancomat sopra i 50 Euro? (ed in futuro anche “sotto”) « Paoblog

  7. Pingback: Una blogger si sfoga ad alta voce… « Paoblog

  8. Pingback: Gli sconti di Carrefour per le famiglie numerose (e gli anziani) « Paoblog

  9. lorena
    8 agosto 2013

    a giugno sono andata all’Idi di capranica x un controllo ai nei, mia madre aveva prenotato a Civitavecchia da 4 mesi per una verruca, che nel frattempoo si era staccata da sola,così ho deciso di portare anche lei per un controllo.

    Abbiamo spiegato alla dott.ssa la situazione, che sarebbe dovuta andare a settembre (visita prenotata a marzo) ma che nel frattempo era caduta da sola. la dott.ssa fa’ “be’ bisogna spebdere per la salute, invece di farsi la tinta ai capelli (mia madre li ha grigi quindi niente tinta) bisogna investire sulla salute”.

    Credetemi non ci ho visto più le ho detto che mia madre dopo, che mio padre si è spaccato il culo a lavorare prende una reversdibilità di 560 euro e, considerando che io per bruciare una verruca ho speso 100 euro, se lo avesse fatto lei per quel mese avrebbe dovuto cucirsi la bocca.

    ha incassato e subito cambiato atteggiamento.

    Scommetto che se al suo posto ci fosse stata un extra comunitaria non l’avrebbe trattata così? credetemi c’ho i coglioni pieni

  10. Pingback: Fatture e scontrini: in Italia poca voglia di pagare le tasse | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: