Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Si può dire “no grazie” alla Marcegaglia? Si può, si può…

A metà dicembre abbiamo fatto un’offerta ad una persona che ci anticipava che il materiale era per la Marcegaglia al che (conoscendo i nostri polli)  gli è stato detto che non facciamo credito alla prima fornitura e lui ci ha comunicato che nel caso avrebbe provveduto direttamente al pagamento.

Tralasciando i dettagli tecnici, di consegna, ecc., ieri sera è arrivato l’ordine della Marcegaglia che, peraltro, 😉 citava la nostra offerta.

Offerta sulla quale era indicato un pagamento mediante Bonifico bancario ad avviso merce pronta, cosa questa abituale per una prima fornitura.

Un dettaglio: stiamo parlando di una cifra di ben 131 € + Iva.

L’ordine riportava invece un pagamento a 30 giorni, rimessa diretta, fine mese e valuta al 20 del mese successivo. Si e poi? Che vuol dire valuta al 20? Allora scrivi 60 giorni, rispettali e via andare.

Comunque sia tra il pagamento ad avviso merce pronta e quello a 30+20 giorni, c’è una bella differenza, per cui gli ho scritto che a queste condizioni non accettavamo l’ordine.

Mi hanno risposto che: non possono pagare anticipatamente nessuno e che il pagamento indicato era quello più corto che avevano.

La mia risposta è stata ovvia: il pagamento che offrite non è accettabile, ragion per cui riteniamo annullato l’ordine.

Se qualcuno pensa che ho fatto la voce grossa perchè si trattava di soli 131 € non mi ha preso bene le misure. Ordine importante o meno, cliente grosso o meno, resta il fatto che non è accettabile che dall’altra parte ti cambino le carte in tavola, prendendo quello che gli fa comodo ed ignorando tutto il resto.

Ho respinto ordini ben più importanti in passato, talvolta il cliente è tornato sui suoi passi, talvolta no, ma proprio in un momento difficile come quello attuale è necessario scremare la clientela. Se vuoi pagare il giusto prezzo con delle condizioni di pagamento eque, mi sta bene, sennò di clienti che vogliono comandare in casa mia ne trovo quanti ne voglio.

Di certo in un momento come questo quello che non mi serve è qualcuno che paghi come e quando vuole. Tanto più per una fornitura di soli 131 € dai quali una volta tolto il costo materiale, che incide per il 60-70%, la lavorazione, i costi fissi (imballo, ecc) resta attaccato ben poco. Poi passa lo Stato e si becca la metà ed io resto con le briciole. Se briciole sono, perlomeno dammele subito.

Ad un certo punto suona il telefono ed il tipo dell’ufficio acquisti mi fa: ho parlato con il capofficina e li ordiniamo pagandoli in contanti alla consegna.

Mi è subito venuto alla mente un altro cliente che mi ha ispirato a suo tempo il post: Piuttosto che pagare puntuale, pago prima.

Tanto scrivere per niente, vien da dire, che poi difficilmente si potrà dare corso alla fornitura in quanto sebbene si tratti di 20 pezzi da fare appositamente, su misura, hanno richiesto una consegna per domani, quando noi avevamo indicato una consegna di 5 giorni lavorativi, per cui… domani si chiude per Natale e fino ai primi di gennaio non si può far nulla…

Tuttavia il messaggio che voglio fararrivare ai colleghi che leggono è che se ci facciamo mettere i piedi in testa da quelli più grossi di noi, tranquilli, lo faranno sempre.

Sono le piccole aziende che tengono in piedi sia il Paese sia i grandi gruppi industriali; se ce lo ricordassimo sempre, lavorando con correttezza, certo, ma anche con determinazione, forse potremmo evitare clausole vessatorie e via dicendo. Dire no, è fattibile.

Articoli correlati: Si lavora meglio con gli stranieri A parole siamo bravi tutti

Arrivano due insoluti e la classe non è acqua Il significato della parola anticipato?

6 commenti su “Si può dire “no grazie” alla Marcegaglia? Si può, si può…

  1. Pingback: Ci risiamo, aumentano i prezzi e chi produce, annaspa… « Paoblog

  2. Pingback: Barriere autostradali: Antitrust multa il Consorzio Comast « Paoblog

  3. Pingback: (ri)parliamo di termini di pagamento… « Paoblog

  4. Pingback: E’ bello lavorare con gli stranieri…ma non con tutti « Paoblog

  5. Pingback: Non accetto aumenti di prezzo. Ragazzi, che stress lavorare su queste basi… « Paoblog

  6. Pingback: Nel mondo del lavoro serve serietà che, in ogni caso, ogni tanto “paga”… | Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: