Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Poste Italiane ti offre i servizi virtuali, ma….

Oggi abbiamo ricevuto in azienda un depliant di Poste Italiane con il quale ci offrono una serie di servizi digitali denominati Poste mailbox professional (ovviamente definirlo magari Casella Postale Aziendale – magari con l’acronimo C.P. Aziende – sarebbe stato riduttivo; si sa che un termine in inglese da tutta un’altra valenza… ); vediamo di che si tratta, in sintesi: l’obbligatoria quanto inutile PEC Posta Elettronica Certificata + la Firma Digitale + l’Archivio Virtuale + la Conservazione sostitutiva (virtuale, s’intende) degli archivi aziendali.

Niente da dire sull’offerta di per sè, tuttavia mi fa ridere (amaro) leggere che si deve fare la procedura di adesione online e poi recarsi di persona all’Ufficio Postale per completare l’attivazione e procedere al pagamento del canone annuale (60 € + Iva).

Capiamoci, per attivare i servizi virtuali di Poste Italiane devo andare di persona?

L’ipotesi di effettuare il pagamento mediante carta di credito, non era fattibile?

E di allegare contestualmente all’adesione un file PDF con il documento di identità e magari la visura dell’azienda?

Purtroppo l’atteggiamento di Poste Italiane ben riflette l’errata percezione del mondo virtuale da parte di Enti e servizi, soprattutto se d’origine statale.

D’altro canto il breve articolo di Riccardo Luna che ho letto nei giorni scorsi, la dice lunga; detto in poche parole, scopro che il nuovo capo dell’Agenzia digitale  (in pratica il Signor Internet italiano) sarà Agostino Ragosa,* anni 62 (!). 

(* Capo dei sistemi informatici delle Poste 😉 quando un black-out bloccò la riscossione delle pensioni per molti giorni. Magari non ne è stato responsabile, tuttavia dopo poco fu spostato ai progetti speciali d lìeraquando il Governo gli ha assegnato il nuovo incarico.)

Nel medesimo periodo della nomina di Ragosa, da Bruxelles è partita una raccomandata destinata a Federico Morello, 17 anni (!!) con la quale la commissaria europea per l’Agenda digitale, invita Morello a far parte del suo team.

Come dice Luna: da noi uno di 17 anni sarà sempre considerato un ragazzo dal quale non abbiamo nulla da imparare. Per questo il futuro non arriva mai.

Un commento su “Poste Italiane ti offre i servizi virtuali, ma….

  1. Pingback: Cosa pensano gli italiani delle Poste? « Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: