Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Lezioni di tenebra

di Enrico Pandiani

Instar Libri – Pagg. 359 – € 16,00 venduto

images

Trama: È una gran brutta serata per il commissario Mordenti: si sente male al ristorante e poche ore dopo una donna con il volto coperto da un foulard di seta irrompe con violenza nella sua vita. Per il poliziotto e i suoi italiens è l’inizio di una caccia senza quartiere: l’assassina lascia dietro di sé una scia di cadaveri e firma le esecuzioni con le corde dello Shibari, una legatura erotica giapponese.

Mentre un insano desiderio di vendetta cresce dentro di lui, Mordenti si butta all’inseguimento affiancato come sempre dal fido Servandoni, dai suoi sbirri anarchici e, per l’occasione, dal tenente Maélis Deslandes, affascinante poliziotta che cerca di tenere a freno la tenebra che attanaglia il commissario. Da Parigi a Torino, trascinati da un’indagine che si addentra nel mondo dell’arte, Mordenti e Deslandes si fanno strada tra collezionisti e falsari, determinati a non lasciarsi sfuggire la donna del mistero.

Letto da: Paolo

Opinione personale: E’ il terzo libro della serie che leggo (ed il quarto è già in attesa sul ripiano) e come gradimento lo colloco a pari merito con il primo (Les italiens).

Il commissario Mordenti è quello che è, sicuramente tosto e determinato, spesso va oltre le righe, ma è impossibile criticarlo per questo; semplicemente fa le cose che devono essere fatte, che i regolamenti o la giustizia (dei tribunali) lo preveda o meno. Ma il lettore che vuole avere giustizia per le vittime, fosse pure della serie occhio per occhio non potrà che ssere soddisfatto da questo atteggiamento.

La partenza dei libri con Mordenti è sempre uguale, con un atto di violenza, che colpisce duro, senza sconti. E nessuno de les italiens tirerà mai indietro la mano (e relativa pistola) nel proseguo della storia che talvolta sembra sconfinare dal noir con ritmo serrato all’eccesso di violenza (vedi un film con Steven Seagal 😉 ) tuttavia ogni azione per quanto brutale appaia, è sempre funzionale alla storia.  Basti pensare che mia mamma, nonostante sia una pacifica ultrasettantenne, apprezza decisamente il commissario Mordenti che, parole sue, si è un pò duro, le storie sono violente, ma quando ci vuole…

Questa storia nello specifico mi ha preso da subito, costringendomi a sfruttare al meglio eventuali spazi aggiuntivi di lettura al di fuori della mia mezz’oretta in tarda serata. Le motivazioni di fondo del mandante sembrano un pò azzardate, ma di matti in giro ce n’è, per cui va bene così; il resto è tensione ed adrenalina pura, con un finale pirotecnico ai quali Pandiani mi ha abituato.

Mi è piaciuto. Ma forse si era capito. 🙂

Nota integrativa:  Sul Blog dell’Autore ho trovato due interessanti sezioni dedicate; una per il 36 Quai des Orfèvres e l’altra per l’auto di Mordenti ovvero la Karmann-Ghia.

3 commenti su “Un libro: Lezioni di tenebra

  1. Pingback: Un libro: Pessime scuse per un massacro | Paoblog

  2. Pingback: Un libro: Signor Giudice, basta un pareggio | Paoblog

  3. Pingback: Un libro: La donna di troppo | Paoblog

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 Mag 2013 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: