Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se il giudice condanna un gestore (stradale) che non c’entra…

giustiziaIn sintesi un articolo che leggo sul Blog di Maurizio Caprino ed anche se quello che racconta è grottesco, ormai non mi stupisco di nulla.

Qualcuno forse si ricorderà di quando sono stato convocato come testimone (peraltro per un incidente che avevo subito) da un Giudice di Pace che neanche capiva chi erano le parti in causa ed erano gli avvocati a ricordagli le cose già dette. Questo giudice è sulla stessa lunghezza d’onda…

Oggi scrivevo che “vorrei vivere in un paese normale; non chiedo neanche l’eccellenza, mi basterebbe la normalità.”

E la normalità passa anche da fatti come questi…

Ed infatti, come scrive Caterina Soffici nel suo libro “Italia yes, Italia no”: “…a Londra io ho trovato la banalità della normalità. Qui si può finalmente uscire dall’emergenza continua, qui si può vivere normalmente. Ecco perché a Londra si vive peggio ma si sta meglio. Perché è un posto normale. È l’Italia a non esserlo più”.

Scrive Caprino: Un fatterello di cronaca assurdo ma vero.

Un automobilista è riuscito a ottenere dal giudice di pace un risarcimento per essere rimasto bloccato ore sulla Salerno-Reggio Calabria durante una domenica di esodo estivo del 2011. Era un anno in cui sulla tormentata arteria c’erano ancora tantissimi lavori in corso. Lo sapevano anche le pietre.

Così come sanno anche le pietre che quell’autostrada è gratuita (questo è uno dei motivi per i quali ha una storia tormentata) e gestita dall’Anas.

Invece il giudice di pace è riuscito a decidere come se fosse un’autostrada a pagamento, accordando il risarcimento.

Giurisprudenza rivoluzionaria?

Mica tanto: quel giudice ha condannato la Sam, società della galassia Aspi che gestisce la Napoli-Salerno, autostrada a pagamento che con la Salerno-Reggio condivide solo la sigla (A3) e il fatto di esserle contigua.

Insomma il giudice non ha neanche capito dove si sono svolti i fatti sui quali ha emesso sentenza. Complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: