Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un sondaggio non fa testo, ma noi ne usciamo perdenti, al solito…

Ieri stavo pubblicando un paio di cose su Twitter quando l’occhio mi è caduto su un tweet di Beppe Severgnini; va da sè che ho approfondito…

Screenshot 2014-10-30 14.40.44

I sondaggi spesso lasciano il tempo che trovano, tuttavia non è disarmante che quando si parla di efficienza, di educazione, di conoscenza (nel senso più ampio del termine) noi italiani se ne esca sempre perdenti?

Purtroppo così strano non è, in questo caso, visto che è stato sondato il livello di percezione del proprio paese da parte dei cittadini europei; d’altro canto che livello di conoscenza ti puoi aspettare da un popolo che non legge e che spesso se ne fa pure un vanto?

Successivamente ho letto l’articolo citato da un altro utente e che si riassume in questa (desolante) grafica:

perception

Condivido in pieno quanto scritto nell’interessante analisi di Francesco Costa che si chiede se il problema dell’Italia sono i suoi giornalisti e che cita un recente pensiero di Luca Sofri che ben si abbina ai vari post pubblicati sul Blog sulla (cattiva) qualità dell’Informazione…

Screenshot 2014-10-30 14.59.34

D’altro canto non è una novità, sembra che i giornali facciano gara a chi fa peggio. Tra bufale e notizie inesatte se non false ormai regna sovrana la Disinformazione.

Ed infine abbiamo il lettore che legge il titolo e si fa un’opinione, senza accorgersi che poi il testo racconta un’altra storia.

Io mi faccio le domande e cerco le risposte, ma quanti si accontentano o, peggio ancora, non si pongono il problema?

Grazie al cielo qualche giornalista che fa il suo lavoro con attenzione ancora c’è…

E se noi vogliamo cercare di essere cittadini invece che sudditi, potremmo incominciare cercando l’Informazione e ponendoci, per l’appunto, delle domande, senza credere automaticamente a chi urla più forte, che una bugia, anche se la urli a pieni polmoni, sempre una bugia resta.

 

 

2 commenti su “Un sondaggio non fa testo, ma noi ne usciamo perdenti, al solito…

  1. IlPrincipeBrutto
    31 ottobre 2014

    A me pare che i media abbiano fatto qualcosa di ancora piu’ pernicioso da molti anni in qua (parlo di decadi): hanno alimentato la convinzione che noi italiani siamo peggio degli altri.
    .
    A furia di ripetercelo, ce ne siamo convinti sul serio, e questo ha degli effetti molto importanti, che arrivano ad influenzare la vita dell’intero Paese.
    .
    Il fatto che si accetti quasi supinamente lo scempio economico che l’adesione all’Euro ha causato, e che con pervicacia si auspichi da piu’ parti l’arrivo di attori esterni che prendano il governo del paese* non puo’ che essere stato aiutato dall’avere seminato in molti la convizione che siamo i peggiori, e che quindi ci meritiamo tutto questo.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe.

    *
    Lo ha fatto per esempio Scalfari di recente, in un suo editoriale, auspicando l’arrivo della Troika, come gia’ successo in Grecia.

    • paoblog
      31 ottobre 2014

      fermo restando che sono convinto che presi “uno ad uno” siano molti gli italiani che “fanno la differenza”, vien da pensare che ci sia di fondo una scarsa autostima ben alimentata da terzi che va a braccetto però con una colpevole ignoranza intellettuale, per cui invece che essere stimolati a fare del nostro meglio per contrastare i pregiudizi (ma anche i fatti) nei nostri confronti, ci fa adagiare in questo mare di M…. e, al solito, si fa prima ad adeguarsi al peggio, piuttosto che a darsi una mossa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: