Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Avere le luci diurne, non ti esenta dall’uso degli anabbaglianti…

yaris ledTorno su un argomento già trattato, in quanto con il rinnovamento graduale del parco auto, sono in aumento le auto in circolazione dotate delle luci diurne, ma si portano appresso un problema che è colpevolmente ignorato (o sottovalutato) da molti.

Come ricordava infatti Maurizio Caprino:

le luci diurne, per definizione del Codice della strada (mutuata dalle direttive tecniche Ue), sono solo anteriori.

Dunque, se di giorno vi trovate in una situazione con poca visibilità, ricordatevi di accendere le luci normali, altrimenti rischiate di non farvi vedere da chi vi segue.

Ricordatevelo voi: non sempre i libretti di uso e manutenzione vi avvisano!

La scorsa settimana siamo andati in Piemonte e c’era una nebbia degna di nota, con un’alternanza di schiarite e di banchi più intensi.

Ed erano numerose le auto con le sole luci diurne che un attimo dopo erano ingoiate dalla nebbia, con le luci posteriori spente, invisibili alle auto che sopraggiungevano.

Naturalmente non è solo un problema di luci diurne, dato che in ogni caso sono molte le auto che girano a luci spente, tuttavia ci si dimentica che quando si entra in galleria, quando fa buio e/o quando la visibilità è bassa (pioggia, nebbia, neve) è obbligatorio accendere gli anabbaglianti, anche se hai le luci diurne.

Dal mio punto di vista, l’ideale sarebbe avere le luci diurne a led abbinate al sensore luci. Che sia in serata come in galleria, le luci si accendono da sole e siamo a posto. Sulla Smart come accessorio (obbligatorio sull’auto che avevo ordinato) c’è il sensore luci/pioggia.

Tanto è comodo ed utile il primo, quanto superfluo il secondo, infatti il tergi non agisce sempre come si deve. Ma il sensore luci, è un altro paio di maniche.

Le luci le accendo sempre, ritengo che più mi si vede (soprattutto con il sole radente) e meglio è, ma penso anche a quanti entrano nei parcheggi sotterranei dei supermercati con le luci spente, circolando come se fossero in uno spazio tutto loro, senza rispettare stop e buonsenso ed ogni tanto fanno il botto. La luce del faro aiuterebbe a capire la posizione dell’auto…

Per restare in tema “luci”, qualche articolo correlato:

I led delle luci posteriori possono creare disturbo?

Accendi il cervello, non il retronebbia

I progettisti guidano le auto che disegnano?

Accendiamo i fendinebbia

Oggi almeno un retronebbia spento a Milano…

Non metto la “freccia” per non consumare corrente…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: