Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: L’arte della quiete

6014651

Perché un uomo che sembra in grado di andare dovunque e fare qualunque cosa – il cantautore e compositore Leonard Cohen – sceglie di passare anni stando seduto senza andare in nessun posto?

Che cosa può offrire questo “nessun posto” che nessun “ovunque” può eguagliare? E perché un viaggiatore seriale come Iyer, che è andato dall’isola di Pasqua all’Etiopia, da Cuba a Kathmandu, pensa che stare seduti in una stanza può essere l’estrema avventura?

Il libro considera l’aspetto inaspettatamente avventuroso di non andare da nessuna parte e rivela una verità controintuitiva: più sono i nostri modi di connetterci, più molti di noi sembrano desiderosi di staccare la spina.

Leggi anche: Vivere con lentezza. Piccole azioni per grandi cambiamenti

e visto che si parla di staccare la spina, suggerisco la lettura di questi post:

Sarebbe bello se, nelle sale d’attesa, potessi vedere ancora…

Difficile leggere un libro a letto, la sera? Sarà…

Occhi bassi (sullo smartphone) e via andare

Gente che legge, gente che non ti guarda negli occhi…

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 aprile 2015 da in L'angolo dei libri - Le nostre segnalazioni, Persone & Società con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: