Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Arriva la “nuova” carta d’identità elettronica. Credici se ti va…

Sorriso ++Mio padre è forte, ancora crede a quello che sente in tv; quando gli ho fatto notare che sua la Carta d’identità era piuttosto rovinata, mi ha detto che: …tanto adesso scade e mi fanno quella elettronica.

Si, certo, credici se ti va 😀 perchè è vero, si legge sul sito di Agenzia digitale che: “È in fase di avvio il progetto di diffusione della nuova Carta di Identità Elettronica”

Ma c’è però da notare che: “Da marzo 2016 comincerà la fase di test nei comuni che partecipano al lancio del progetto…”

I test quindi sono limitati ai comuni che hanno aderito ovvero ben pochi, temo, visto che in un altro articolo leggevo che è necessario acquistare programmi e macchine apposite e con l’aria che tira sui bilanci comunali, pochi saranno stimolati ad aderire.

Leggi anche questo post del 2014: Se a Milano vuoi la carta d’identità elettronica … aspetti 6 mesi!

E’ anche interessante leggere che a Bologna:

il rilascio di queste carte non è più attivo dal novembre 2015, in quanto l’amministrazione cittadina ha deciso di chiudere definitivamente il servizio dopo le numerose sospensioni causate dalla rottura dei macchinari per la produzione delle carte.

«Questo avviene in un contesto in cui lo Stato dopo il lancio della sperimentazione, ben 13 anni fa, non ha più investito nel servizio che aveva invece l’obiettivo in pochi anni di sostituire completamente il documento cartaceo. Ciò non é mai successo e in realtà moltissimi Comuni non hanno mai neppure cominciato a rilasciarle»

Le ragioni sono sia di ordine economico che procedurale: i Comuni si sono trovati di fronte a spese non previste, solo in parte coperte dal ministero e a tempi troppo lunghi di lavorazione.

Sembrerò disfattista anche se credo di essere semplicemente realista e quindi dubito fortemente che nel 2018 avremo tutti la Carta d’Identità elettronica, ma se anche succedesse non mi consola poi leggere in questo articolo che:

la tecnologia è già vecchia: Cosa se ne faranno i cittadini del pin della Cie una volta che sarà fruibile il sistema Spid?

Vista che della carta d’identità elettronica se ne parla da 1997 e che ora siamo arrivati alla nuova versione senza che la prima sia stata emessa sull’intero territorio, mi chiedo come sia possibile non avere problemi gestionali e/o tecnici nell’emissione dei milioni di carte di credito/debito e della Carta Regionale dei Servizi.

 

Un commento su “Arriva la “nuova” carta d’identità elettronica. Credici se ti va…

  1. Ale
    2 febbraio 2016

    Se non ricordo male la carta elettronica aveva un costo di emissione ben superiore a quello della versione cartacea (una ventina di euro contro qualche euro di marche da bollo). Dato che la carta di identita’ a me non serve (non ci crederete, ma al mattino, quando mi sveglio, la prima cosa che faccio non e’ prendere la carta di identita’ dal portafogli per sapere chi sono) non vedo il motivo di spendere di piu’.

    Ale

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: