Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

La lentezza nel pagare le fatture, danneggia anche te…

Chi mi segue da tempo sa che aderisco in pieno alla filosofia di Vivere con lentezza e mi ritrovo appieno nelle parole di Bruno Contigiani: Correre quando dobbiamo, rallentare quando possiamo.

Nel mondo del lavoro, ad esempio, spesso serve una capacità organizzativa e decisionale molto rapida, eppure come raccontavo ieri…

Una nota acciaieria (sempre in crisi) tempo fa mi ha fatto un ordine con la consegna richiesta entro l’8 aprile o prima, se possibile.

Al 1° aprile li ho avvisati che eravamo pronti, per cui potevano procedere al pagamento.

Ieri pomeriggio mi hanno chiamato dallo stabilimento per sapere se avevano pagato, perchè a loro la roba serve.

Un rapido controllo, nessun bonifico.

Mi ha chiesto di tenerlo aggiornato, perchè se comincia a chiamare lui i vari uffici lo rimbalzano qua e là.

Ma per avere ieri i soldi, il pagamento avrebbero dovuto farlo subito, appena ricevuta la fattura.

Ma come si capisce sono un lento pachiderma e questa lentezza danneggia loro per primi, visto che non possono fare nei tempi previsti le manutenzioni del caso.

Non capiranno mai che la parola urgenza si abbina alla velocità di pagamento. E poi ci si chiede perchè sono sempre sull’orlo del baratro?

Leggi anche: Le regole autoimposte da certe aziende sono controproducenti…

In ogni caso il pesce puzza dalla testa, come si suol dire. Se la Direzione non è capace di dirigere al meglio, va da sè.

Ma lavorare come si deve si può fare.

Ieri mattina alle 7.45 mi ha scritto un cliente. Alle 8.11 ho inviato l’offerta ed alle 8.27 mi ha confermato l’ordine, ma non solo…

… visto il basso importo ha accettato il pagamento a merce pronta, per cui alle 8.50 ho avvisato che eravamo pronti, si sono organizzati per il ritiro ed alle 13.42 è arrivata la copia del bonifico.

Si può fare, basta volerlo.

E’ anche vero che questo cliente una volta mi ha pagato un insoluto (causa disguido) ancor prima che mi accorgessi del mancato pagamento ed altrettando velocemente mi aveva pagato.

Come detto, è una questione di “testa” ….

Leggi: Fine mese, arrivano due insoluti, ma la classe non è acqua…

Questa mattina controllo in banca e scrivo al cliente:

Buongiorno, ho verificato ora in banca ed il pagamento non è stato fatto.

So bene che non è colpa sua, sia chiaro, però ieri mattina ho mandato la fattura ad un altro cliente e questa mattina ho trovato l’accredito, a testimonianza che si può fare. Questo nel caso che i suoi colleghi della contabilità accampino scuse….

Spiace solo darsi da fare per anticipare la consegna e poi vedere tutto vanificato dalla lentezza dei pagamenti, cosa peraltro successa anche la volta scorsa, con noi che anticipiamo e loro che pagano quasi 2 settimane dopo.

Leggi: Il significato della parola “anticipato”?

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 aprile 2022 da in Il mondo del lavoro con tag , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: