Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Una barbaria inaudita in nome di una “prelibatezza” chiamata foie gras

Ogni anno 37 milioni di anatre e oche vengono  ingozzate per mezzo di un tubo metallico, lungo 20-30 cm, infilato in gola e spinto giù fino al raggiungimento dello stomaco.

Per costringere l’organismo a produrre il foie gras, l’animale deve ingerire un’enorme quantità di mais in pochi secondi.

Questo comporta l’aumento delle dimensioni del fegato, quasi di dieci volte superiore rispetto a quelle normali, e lo sviluppo di una malattia chiamata: steatosi epatica.

Foie_gras

Gli animali utilizzati per la produzione vengono privati del proprio becco, senza anestesia, con pinze o forbici.

Se cercano di divincolarsi rischiano di morire soffocati.

I fortunati che sopravvivono moriranno successivamente a causa di dolorosissime infezioni.

La natura delle anatre e delle oche è di trascorrere gran parte della loro esistenza in acqua.

I volatili utilizzati per la produzione vengono tenuti in gabbie così piccole da non riuscire nemmeno girarsi su loro stessi, tantomeno ad assumere una posizione eretta o battere le ali.

Aiutaci a fermare questa crudeltà insensata!

Fai sentire anche tu la tua voce e schierati al nostro fianco per bloccare il commercio del fois gras.

Un commento su “Una barbaria inaudita in nome di una “prelibatezza” chiamata foie gras

  1. Pingback: Gamberi, un peso per ambiente e lavoratori | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: