Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Un libro: Il genio del gusto. Come il mangiare italiano ha conquistato il mondo

5285292

Il cibo italiano per eccellenza? La pizza, verrebbe da dire, oppure la pasta.

Leggendo “Il genio del gusto” dovremo forse ricrederci, e scoprire come la nostra cucina sia stata in grado di accogliere lavorazioni e ingredienti da tutto il mondo per reinventarli e farli propri, costruendo attorno al cibo una cultura originale e una identità collettiva.

Si svelano così le origini sorprendenti dei grandi protagonisti della gastronomia italiana: veniamo a sapere che la pasta ha origini arabe, che la pizza era preparata già dagli antichi greci, e che quando facciamo colazione al bar con caffè e croissant assaporiamo una bevanda turca accompagnata a un dolcetto che simboleggia la bandiera ottomana.

Perché la cucina è sempre contaminazione, e migliora viaggiando e incontrando il diverso.

La grandezza del genio italiano è stata ed è ancora – nel reinterpretare l’esotico, mescolarlo col casalingo e poi diffonderlo in tutto il mondo: la forchetta arriva a Venezia da Bisanzio ma è dall’Italia che si diffonde per il resto d’Europa; i bufali giungono in Campania e nel Lazio dall’Asia e poi la mozzarella conquista tutti i continenti; il barolo diventa il vino dei re e la produzione di prosecco si sta avvicinando a quella dello champagne.

Ma Alessandro Marzo Magno racconta anche storie di innovazione e coraggio imprenditoriale tutte italiane: il carpaccio, inventato nel 1963 da Giuseppe Cipriani fondatore dell’Harry’s Bar a Venezia; la macchinetta per il caffè espresso…

In un viaggio ricco di aneddoti e curiosità che dal Medioevo e dalla società delle Corti arriva ai nostri giorni con i prodotti del Made in Italy contraffatti, l’autore descrive in che modo il mangiare italiano ha conquistato il mondo riuscendo a imporsi come sinonimo di qualità e benessere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: