Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Greenpeace: abuso di pesticidi nelle mele europee

in sintesi un articolo il cui contenuto non mi stupisce, tuttavia questo risultato a mio parere si scontra con quanto scritto da Altroconsumo nelle scorse settimane circa il consumo di alimenti Bio che come scritto non hanno valori nutrizionali superiori a quelli Bio, ma in cambio non si portano dietro pesticidi dei quali faccio a meno.

Come ho scritto nel post  Biologico, c’è chi dice no. L’inchiesta di Altroconsumo:

Vero quindi che i prodotti convenzionali hanno una presenza di pesticidi inferiori ai limiti di legge, ma in ogni caso, leggendo le tabelle ho notato il fatto che nelle mele Bio i pesticidi siano pari a 0 mentre in quelle convenzionali siano presenti da 2 a 4 pesticidi.

Saranno anche 4 pesticidi con limiti inferiori a quanto previsto, ma nel Bio non ci sono.

E quindi io proseguo nel mio consumo di mele Bio…

Pericolo_pesticidi

Greenpeace ha pubblicato i risultati delle analisi sulle mele acquistate nei supermercati di 11 Paesi europei, tra cui l’Italia.

Mentre i test sulle mele biologiche non hanno evidenziato tracce di pesticidi, ben l’83 per cento dei frutti coltivati in modo convenzionale sono risultati contaminati da residui di pesticidi, e nel 60 % di questi campioni sono state trovate due o più sostanze chimiche.

Metà dei pesticidi rilevati, osserva Greenpeace, hanno effetti tossici noti per organismi acquatici come i pesci, ma anche per le api e altri insetti utili.

Molte di queste sostanze sono bioaccumulabili, hanno impatti negativi sulla riproduzione o altre proprietà pericolose.

Infine, a causa dell’incompletezza di dati e conoscenze disponibili soprattutto sugli effetti di residui multipli, non si possono escludere rischi per la salute.

lettura integrale dell’articolo qui: Greenpeace: abuso di pesticidi nelle mele europee

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: