Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Olio di palma: le aziende alimentari annunciano l’addio…

L’annuncio de Il Fatto Alimentare conferma che il consumatore informato FA la differenza e quindi è importante:

1) leggere le etichette

2) fare acquisti consapevoli

e 3) darsi da fare ovvero far sentire la nostra voce alle aziende.

Abbiamo vinto. Le aziende alimentari italiane hanno annunciato l’addio all’olio di palma.

La petizione lanciata 18 mesi fa su Change.org da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade contro l’invasione dell’olio tropicale e sostenuta da 176 mila firme, ha raggiunto l’obbiettivo.

L’annuncio è arrivato ieri sera dall’Aidepi (associazione delle aziende del settore che raggruppa tutti i marchi famosi come: Ferrero, Mulino Bianco, Bauli…).

Poche righe per dire che dopo il parere dell’Autorità per la sicurezza alimentare europea sulla presenza di sostanze cancerogene e genotossiche nell’olio di palma, l’associazione si impegna a “fare, nel più breve tempo possibile, tutte le scelte necessarie per la massima tutela della salute del consumatore…“.

Ora nel difficile tentativo di salvare la reputazione Aidepi cerca di offuscare 18 mesi di manovre lobbiste, veline, pareri di dubbio valore scientifico e di fare dimenticare un investimento da 10 milioni di euro in spot e annunci pubblicitari dove si è detto che l’olio di palma è un ingrediente sano, naturale e rispettoso dell’ambiente….

continua la lettura qui: Olio di palma: le aziende alimentari annunciano l’addio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: