Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Con la frutta nelle scuole a metà mattina ci sono meno scarti a pranzo, però mi scrive una mamma milanese e…

Ho fatto leggere ad un paio di mamme, (una addetta di mensa nelle scuole elementari e l’altra commissaria di mensa all’asilo) l’articolo de Il Fatto Alimentare del quale pubblico un estratto e le risposte che mi sono arrivate le trovi in calce.

E’ bene precisare che la commissaria di mensa opera in una scuola materna e non nelle scuole elementari, che sono il soggetto dell’articolo.

Resta il fatto, però, che nell’articolo leggo di un minore spreco di cibo a pranzo, grazie all’introduzione della merenda di frutta a metà mattinata, (esperimento sicuramente interessante), ma se nella materna citata e nelle elementari nelle quali lavora un’altra amica, ci sono sacchi di frutta gettata, qualcosa vorrà dire.

I bambini delle scuole milanesi mangiano più frutta, evitano di consumare merendine a metà mattina e la quantità di cibo avanzato dopo il pranzo si riduce.

Questi sono i risultati del progetto “Frutta a metà mattina” di Milano Ristorazione, una sperimentazione che ha coinvolto 76 scuole elementari e oltre 21.000  bambini e di cui Il Fatto Alimentare si è già occupato.

Il progetto prevede l’anticipo della frutta dal pasto allo spuntino di metà mattina, con l’obiettivo di abituare i bambini a mangiare meno merendine e ridurre gli sprechi.

Obiettivi decisamente centrati, stando ai dati diffusi da Milano Ristorazione, che ha registrato un aumento del 14,9% del consumo di frutta e un maggiore gradimento del pasto (+16,7%).

Prima mi scrive la mamma che lavora come addetta in alcune mense scolastiche:  Speriamo sia così perché per ora io continuo a vedere un sacco di frutta finire nella spazzatura.

Poi arriva il commento dell’altra mamma nonchè commissaria di mensa: Intanto, non è in vigore in tutte le scuole – ma, indipendentemente, nel nostro asilo, a metà mattina, non fanno mangiare un bel niente (con tanto di divieto esplicito ai genitori di portare cibo all’interno dell’asilo).

Per noi, che abbiamo questo regolamento, è un po’ una vittoria di Pirro (bene se in altre scuole si rilevano quei dati).

Tuttavia… vogliamo parlare della frutta che viene servita? Questo, all’ultimo controllo (28/02/2017). Queste erano le peggiori, ma tutte le altre erano secche e immangiabili.

16998727_10210957079015921_1213066116678220654_n

Sono state buttate via praticamente tutte; queste sono le arance “ammaccate” (e uso il virgolettato perché esternamente sembravano integre, per me c’è marcito dentro il verme e pace e amen) che sono state servite agli educatori.

Quelle per i bambini vengono sbucciate dalle scodellatrici che, povere donne, avevano già scremato il grosso, prima che venisse servito alle classi.

Questo, per dire quanti frutti, tra quelli consegnati, non siano accettabili (si vedono, fra le bucce?

Tutto il fondo del sacco è composto da frutti scartati senza neanche essere sbucciati perché visivamente non idonei al consumo).

17021815_10210957272980770_5988897459340947711_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: