Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se mi chiedi lo sconto per principio, io mi adeguo (preventivamente)

La casistica dei clienti che si ritengono i più furbi del mondo è ampia.

Negli anni ’80 all’ufficio acquisti di un cliente consolidato e con il quale avevamo un rapporto chiaro e trasparente, è arrivato un tipo che ad ogni offerta ci tirava il collo sui prezzi ed alla fine lo chiamavamo il Signor 3%, perchè se gli concedevi lo sconto, ordinava senza problemi.

Il bello è che se offrivi a 100 eri caro, ma se offrivi a 105 – sconto 3% allora il prezzo andava bene.

Va da sè che dopo le prime volte i prezzi sono sempre stati aumentati in modo da dargli il contentino.

Altro cliente che, in questo caso si faceva lo sconto indiretto ovvero pagando in ritardo di 30 giorni rispetto a quanto concordato; lamentati oggi, lamentati domani, ecco che quello dell’Ufficio Acquisti, mi disse: lei offra sempre con il prezzo maggiorato del 5% per compensare il ritardo di pagamento e stia sicuro che non le chiederò mai uno sconto. 

Detto, fatto. E sono 20 anni che pagano il 5% in più pur di non pagare puntualmente.

Un comportamento che fa il paio con questo: Piuttosto che pagare a 60 giorni…ti pago prima.

Nei giorni scorsi mando un’offerta ad un altro furbacchione, maggiorando il prezzo del 3%, a scanso di equivoci ed ecco la solita telefonata: che sconto mi fa? 

La prima risposta è la solita: Niente, ma poi inizia il lamento che si basa tra l’altro sul fatto che si tratta di un importo sostanzioso, ma si dimentica che la materia prima copre il 60% del prezzo finale, ai quali aggiungere i costi di produzione, tasse, e non ultimo il fatto che in barba alla direttiva sui pagamenti mi imponi un pagamento sfavorevole ovvero 90 giorni fine mese che, con il ritiro al 4 marzo, diventano 120 giorni reali.

Leggi: Si è persa la bussola, nel mondo del lavoro…

Io resto dell’idea che offrire da subito del miglior prezzo, sia il modo migliore per lavorare, con trasparenza ed evitando i prezzi al ribasso che fanno solo danni, ma come disse qualcuno, “sono un’alieno” in questo mondo, e quindi lui piange, io resisto per un pò, poi “cedo” e gli concedo uno sconto del 2%, che accetta al volo, ma non pago arrotonda tutti i prezzi, facendo saltare via qualche cent aggiuntivo il che porta ad uno sconto reale del 2,6%.

Leggi: Anche agli appalti al ribasso ci deve essere un limite

La nostra politica aziendale prevede di offrire al miglior prezzo e quindi di non concedere sconti, ma la stessa politica viene applicata ai fornitori, per cui anche se raramente capita di chiedere la possibilità di avere condizioni più vantaggiose, per quel che ci riguarda se dici 100 è perchè quello è il tuo miglior prezzo.

Leggi: Il prezzo della correttezza e quello dell’inefficienza…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: