Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Joselito il salame senza nitrito

La scorsa settimana siamo andati da Eataly a comprare alcune cose, in primis la carne de La Granda, ed abbiamo fatto una piccola follia (per le nostre tasche, beninteso) ovvero acquistare una confezione di Salame Joselito (nome originale: Salchichón Ibérico de Bellota Joselito) in vendita al prezzo di € 98/kg ovvero € 9,80 per 100 grammi.

E’ dannatamente faticoso trovare salumi senza Nitriti ed additivi vari, non ultimi i non meglio identificati Aromi, da non confondersi in ogni caso con gli Aromi naturali.

La famosa mortadella pubblicizzata in tv, in realtà non mantiene le promesse. Da Naturasì c’è un salamino bio senza additivi, sicuramente buono, ma non è paragonabile a Joselito.

Mi chiedo sempre come sia possibile che il Prosciutto di Parma o quello di San Daniele possano essere prodoti senza altri ingredienti che Suino e Sale e tutti gli altri invece siano pieni di additivi e conservanti.

Conosciamo meglio Joselito: Aroma intenso, struttura carnosa e succosa, con un ottimo equilibrio tra il grasso, la carne magra, paprika dolce e aglio naturali. Stagionatura minima: 5-6 mesi in solai e cantine naturali – Ingredienti: Carne magra di maiale iberico de Bellota, paprika dolce, sale e aglio.

JOSELITO possiede la propria razza di maiali di origine iberica. Le eccezionali qualità di questi suini, unitamente alla cura adoperata nell’allevamento, permettono di mantenere in modo consistente e permanente la qualità di tutti i suoi prodotti.

Il maiale Joselito possiede una gran capacità di adattamento e si caratterizza per la crescita lenta, tipica di un allevamento in un stato assolutamente brado nel proprio habitat naturale, la dehesa. Ciò determina quattro degli aspetti più caratterizzanti del maiale Joselito:

Articoli correlati

 

A proposito di additivi

Leggi l’etichetta e scopri che …

Vogliamo dimenticarci il mistero degli aromi?

Conoscere le etichette

12 commenti su “Joselito il salame senza nitrito

  1. Pingback: Con la spesa bio si spende quasi il doppio | Paoblog

  2. Pingback: “Integrale” di nome, ma non negli ingredienti | Paoblog

  3. Pingback: I misteri degli Aromi: la legge prevede quattro diciture, ma resta un po’ di confusione | Paoblog

  4. Pingback: Se ti abitui a mangiare “certa” verdura, è difficile ritornare a “quella” del supermercato | Paoblog

  5. Pingback: Con l’aggiunta di solo aromi e spezie naturali? Va là, meglio leggere l’etichetta… | Paoblog

  6. Pingback: Se l’Azienda (alimentare) dialoga con il consumatore, è un vantaggio per entrambi | Paoblog

  7. Pingback: Coloranti e additivi di dimensione nanometrica sono già presenti nel cibo, ma… « Paoblog

  8. Pingback: Che cosa ci fa il biossido di titanio nel nostro cibo? E soprattutto: è dannoso per la salute? « Paoblog

  9. Pingback: I misteri degli aromi: migliaia di molecole presenti in quasi tutti gli alimenti confezionati « Paoblog

  10. Pingback: Additivi nei salumi: ma è proprio necessario aggiungere nitriti e nitrati? « Paoblog

  11. Pingback: I consumatori leggono poco le etichette nutrizionali. « Paoblog

  12. Pingback: Salumi italiani: i valori nutrizionali sono migliorati secondo l’Inran, però… « Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: