Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se ti abitui a mangiare “certa” verdura, è difficile ritornare a “quella” del supermercato

Post aggiornato dopo la pubblicazione

Questo post esce con colpevole ritardo, rispetto alle mie intenzioni, tuttavia prima il dovere (lavoro) e poi il piacere. 😉

Da quasi un anno acquistiamo  da Cortilia la verdura (oltre che uova, alcuni formaggi, spesso la carne e talvolta anche la frutta) cosa questa che ci permette di consumare verdura di stagione prodotta dalle aziende del territorio, garantendo nel contempo un prezzo equo all’agricoltore, svincolato dallo strapotere della G.d.O.

L’obiettivo quindi non è quello di risparmiare rispetto al supermercato, ma di consumare un prodotto di qualità che abbiamo riscontrato essere migliore; il problema  è che ci si abitua a consumare verdura che non si scioglie nella cottura e che conserva un sapore preciso; un piatto di pasta con verdure fresche di questo tipo, ti fa subito capire la differenza con quelle che compri al super.

Differenza che abbiamo toccato con mano nel mese di agosto, nel periodo in cui non abbiamo potuto usufruire di Cortilia. La Signora K più volte si è lamentata sia nella fase di cottura, ed anche d’assaggio, segnalando un sapore più chimico che naturale. Di sicuro la differenza fra resa e sapore, come detto, è fuori discussione.

Aggiornamento del 10 giugno 2020

Seppur a malincuore dopo anni ho dovuto annullare l’abbonamento con Cortilia. Nulla da dire sulla qualita’ dei prodotti o del servizio, ma i prezzi sono diventati troppo alti. Al super non prendo i prodotti di primo prezzo, anzi, ma i conti devono comunque tornare a fine mese.

 

Un altro prodotto provato recentemente che mi sento di segnalare (e che ho acquistato da Eataly) è il Parmigiano reggiano 26 mesi prodotto dall’Azienda Antica Fattoria Scalabrini di Ghiardo di Bibbiano (RE). Il prezzo è di 18,80/kg. e francamente mi sembra equo.

Essendo abituato a segnalare i prodotti che apprezziamo maggiormente, in modo da condividere con gli Amici le nostre scelte, ma anche di premiare chi lavora con qualità ed attenzione verso il consumatore, riassumo i vari post in merito:

Il salame Gran Costa Il salame Joselito (senza nitrito)La birra ReAle Le birre TicinensisLa carne La Granda  Il formaggio al Barolo di Beppino Occelli

 

3 commenti su “Se ti abitui a mangiare “certa” verdura, è difficile ritornare a “quella” del supermercato

  1. Pingback: Stop alla vendita all’aperto di frutta e verdura, è polemica | Paoblog

  2. Pingback: Le false uova italiane che arrivano dalla Romania… | Paoblog

  3. Pingback: onsumabile 2014: Se la spesa ti frena… | Paoblog

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: