Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

I misteri degli Aromi: la legge prevede quattro diciture, ma resta un po’ di confusione

in sintesi un articolo di Sara Rossi (con MariaTeresa Truncellito) che leggo su Il Fatto Alimentare

Il tema degli aromi rimbalza sempre in redazione perchè arrivano spesso lettere con richieste di chiarimenti. Con l’aiuto di Domenico Stirparo, esperto dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA), abbiamo redatto questa nota che dovrebbe chiarire il significato delle varie diciture.

Per capire meglio abbiamo preso come riferimento le quattro scritte che si possono trovare su un vasetto di yogurt alla fragola (non tutti i vasetti di yogurt alla fragola aggiungono aromi, ad esempio in Italia Yomo non impiega questi additivi).

a) “Aroma naturale di fragola”: quando il 95% degli aromi è estratto dal frutto.

b) “Aroma naturale di fragola con altri aromi naturali”: quando l’aroma naturale estratto dalle fragole risulta inferiore al 95% e viene miscelato ad altri, ma il gusto dell’aroma resta quello di fragola.

c) “Aroma naturale”: è la dicitura utilizzata quando il gusto è ottenuto da un mix di componenti naturali che non comprende la fragola, o quando l’insieme di aromi naturali non ha una particolare connotazione organolettica e pertanto l’aroma finale non è classificabile nelle due definizioni precedenti (a. e b.).

Il caso tipico è quello dello yogurt arricchito con macedonia di frutta, preparato con diversi aromi naturali che non rientrano nelle due definizioni precedenti: una sola componente aromatica presente oltre il 95%, oppure più componenti aromatiche ma solo un gusto specifico prevalente nel prodotto.

d) “Aromi” è la parola che troviamo sulla maggior parte dei prodotti alimentari, perchè comprende tutti gli aromi natural-identici (uguali a quelli naturali ma “costruiti” in laboratorio) e quelli artificiali (costruiti in laboratorio anche con l’impiego di molecole che non esistono in natura).

Integro con questi articoli correlati: Mangiare l’alluminio fa male? A proposito di additiviLeggi l’etichetta e scopri che … –  Vogliamo dimenticarci il mistero degli aromi?  – Conoscere le etichetteJoselito, il salame senza nitrito Patatine light? Additivi alimentari nel pesce Gli additivi alimentari, questi sconosciuti

In evidenza: Se l’azienda (alimentare( dialoga con il consumatore, è un vantaggio per entrambi

Un commento su “I misteri degli Aromi: la legge prevede quattro diciture, ma resta un po’ di confusione

  1. Poppea
    25 settembre 2013

    Il mio medico mi diceva sempre di prendere lo yogurt bianco e poi a piacere aggiungere la frutta xchè quella dei vasetti è tutta sintetica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: