Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se Vodafone non rispetta neanche le sue norme contrattuali…

Autore: Pietro Vanessi  Fonte: unavignettadipv.it

Autore: Pietro Vanessi
unavignettadipv.it

Della vicenda in essere con Vodafone ho già accennato giorni fa, nel post dedicato al pessimo servizio di assistenza clienti offerto dal Custumer Care (o Servizio Clienti).

Resta il fatto che nel momento in cui un’azienda non rispetta neanche le sue norme contrattuali, per noi consumatori è una sconfitta totale.

In calce la copia della raccomandata inviata oggi e che sarà poi inviata all’Agcom, ma resta il fatto che non sarà altro che un contentino che ormai non accontenta più nessuno.

Che sia alle prese con una compagnia di telefonia oppure una società Luce e/o Gas, c’è sempre una costante per il consumatore: problemi!

 

 * * *

Facendo riferimento alla nostra raccomandata del 17 febbraio 2014 con la quale abbiamo comunicato la disdetta della Sim aziendale in abbonamento relativa al numero xxxxxx, con la presente vi facciamo notare che sul vs. Contratto è scritto che:

Art. 11.3 Il Cliente ha facoltà di recedere dal Contratto in ogni momento, dandone comunicazione a Vodafone mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento o eventualmente con altro mezzo di comunicazione predisposto da Vodafone. Il recesso sarà efficace entro 30 (trenta) giorni dalla data di ricezione della lettera raccomandata o della comunicazione ricevuta nelle altre modalità all’uopo predisposte.

Screenshot 2014-03-31 07.51.36
Considerando che la raccomandata è stata da voi ricevuta il 19* febbraio, risulta evidente che il 30° giorno utile per la disattivazione cadeva il 21 marzo; vien da chiedersi, allora, come mai al 31 marzo la Sim sia ancora attiva.

Screenshot 2014-03-31 11.49.23

(* C’è una discordanza fra il timbro delle poste – 24 febbraio –  e quello Vodafone – 19 febbraio -, ma dato che sono loro per primi a fare i cavillosi, va da sè che io faccio riferimento al loro timbro. 😉 In ogni caso cambia poco; dando per buono il 24 febbraio quale ricevimento, il 30° giorno cadeva in ogni caso al 26 marzo.)

Cogliamo l’occasione per protestare anche per il pessimo servizio offerto dal Servizio Clienti; nello specifico vi facciamo notare che da 4 operatrici abbiamo avuto 4 risposte diverse, tutte peraltro disattese nei fatti.

1)    Il 28 febbraio sono stato richiamato per una conferma in merito e quando abbiamo chiesto la tempistica di disattivazione l’operatrice ci ha detto che “in genere avviene in 24 ore.”

2)    Il 5 marzo (ben oltre le 24 ore) la Sim era ancora attiva, per cui abbiamo chiamato il Servizio clienti che ci confermava che la Sim era in fase di disattivazione e che “la stessa sarebbe stata inattiva entro la giornata.”

3)    Il 10 marzo la Sim era ancora attiva. E quindi abbiamo inviato un reclamo via web (senza risposta).

4)    L’11 marzo la Sim era ancora attiva, per cui abbiamo nuovamente chiamato il Servizio Clienti e ci è stato detto chela Sim sarebbe stata disattivata per il 20 marzo, dato che i tempi di disattivazione sono di 30-40* giorni, come scritto sul Contratto”.

5)    Il 25 marzo abbiamo nuovamente telefonato al Servizio Clienti ed ancora una volta è stata “garantita la disattivazione entro la settimana.”

Al momento della telefonata dell’11 marzo (punto 4) non avevamo il contratto sottomano, tuttavia una volta letto l’Articolo 11.3 è evidente che i tempi non sono di “30 – 40 giorni”  ma di 30 ed in ogni caso vien da chiedersi, come mai al 28 febbraio ed al 5 marzo ci abbiano confermato la disattivazione per la giornata stessa (o quella successiva), se in realtà i tempi contrattuali sono più lunghi.

Un aggiornamento del 3 aprile 2014:  Sim ancora attiva. Richiamo il Servizio Clienti per la quinta volta e l’operatrice (Roberta) fa quello che nessuno aveva fatto mai ovvero si attiva per risolvere il problema.

Mi spiega che sicuramente c’è un errore da parte loro e che se anche non rientra nei loro compiti chiederà al responsabile se è possibile disattivare immediatamente la Sim. E’ fattibile e lo fa. 🙂

Vodafone, al solito, è in torto, ma ancora una volta si dimostra che un’operatrice capace (Vedi Sabrina di Eni) FA la differenza.

 

 

3 commenti su “Se Vodafone non rispetta neanche le sue norme contrattuali…

  1. Pingback: Il libero mercato? A ben vedere un mix di scorrettezza, inefficienza e… | Paoblog

  2. Poppea
    31 marzo 2014

    Vodafone per sentito dire è solita fare così, ma alla fine “ammazza ammazza so’ tutti ‘na razza”

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: