Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

I segreti per gestire la rabbia in auto

Poco tempo fa Caprino ha pubblicato un post sull’omicidio stradale e sulle mancate indagini che portino a capire come e perchè c’è stato un incidente e tra le altre cose ha parlato del fatto che…

“…si tratterebbe di capire, per esempio, se il conducente omicida ha avuto una lite con qualcuno prima di mettersi alla guida o se aveva un disagio psicologico che porta ad avercela col mondo, come quelli che ogni tanto prendono un fucile e sparano tra la folla. O altro ancora.”

Il link che ha inserito porta ad un mio post con il quale racconto l’errore che ho commesso tempo fa mentre guidavo sotto l’influsso della rabbia e quindi credo  che possa essere interessante leggere questo articolo pubblicato su Lifegate e del quale pubblico una breve sintesi, corredata dall’interessante video incluso nell’articolo.

Per quel che mi riguarda, tempo fa avevo scritto un post dedicato per l’appunto ai troppi nevrotici al volante, perchè una cosa è l’episodio di rabbia (magari giustificata, anche se mal gestita) ed altro è un comportamento sempre aggressivo che denota problemi carateriali più radicati.

In merito alla gestione dello stress in auto, scrivevo che:

Per quanto riguarda gli ingorghi, ho un approccio  (i concerti per violoncello di Boccherini) che mi permette di gestire il nervoso,  anche se ovviamente certe volte mi vengono i 5 minuti, tuttavia non è nel mio carattere pensare ad un atto di violenza per redimere un diverbio… tranne che in casi limite, anche se poi ci pensa il V-Red a vendicarmi. 😉

* * *

in sintesi un articolo di Marcella Danon

Quando siamo in auto, una partenza lenta al semaforo, una precedenza  non data, un parcheggio soffiato… possono scatenarci – o scatenare ad altri – una tempesta ormonale degna di una lotta, nel paleozoico, contro lo straniero che ha insultato il totem della tribù vicina.

Non importa se viviamo nel 21° secolo, la nostra cosiddetta civiltà è giovanissima rispetto a meccanismi del cervello consolidatisi nell’arco delle 150.000 5.000 generazioni che hanno preceduto gli ultimi 5000 150.000 anni di storia.

La rabbia è come un animale incattivito che, una volta stuzzicato, parte per la tangente e può rompere le porte della sua gabbia, mettendo in atto comportamenti che, a freddo, nessuno avrebbe adottato.

La rabbia non è di per sé qualcosa di brutto o di negativo, lo diventa il momento in cui si scatena senza controllo e diventa distruttiva.

Quando invece, viene conosciuta e addomesticata, può diventare una preziosa alleata nella nostra vita quotidiana e possiamo usare la sua energia… nei contesti e nelle direzioni da noi scelte consapevolmente.

* * *

Quello che segue è il video di un esperimento realizzato da Toyota in collaborazione con uno psicologo per paragonare lo stile di guida tra un’auto ibrida e non.

Ovviamente per alcuni è uno spot autopromozionale, tuttavia forse bisogna guardare un pò più in là; ho letto in proposito i classici commenti superficiali, tuttavia avendo la Smart posso dire che in caso di traffico il non dover gestire continui cambi marcia è già un vantaggio, ma forse anche guidare un’auto più silenziosa, porta ad avere una guida più rilassata.

Non avendo un’ibrida non posso dare giudizi in merito, ma ho lettto i commenti di chi ce l’ha e questa mia percezione viene confermata dalle loro parole.

Giorni fa ero in giro con la Smart, avrei voluto tenere giù il finestrino, evitando l’uso del climatizzatore; dopo pochi minuti, il frastuono del traffico mi aveva rimbambito; se tutte le auto fossero più silenziose e gli automobilisti meno stressati (quindi meno clacson), forse guidare potrebbe essere più piacevole, anche in città.

30 automobilisti affrontano il traffico di Roma. Osserviamo come cambia il loro umore a seconda che guidino un’auto ibrida o non ibrida e scopriamo se un’auto può farti innamorare di nuovo della guida.

Se mantieni la calma in un momento d’ira risparmierai cento giorni di dolore, recita un proverbio popolare.

 

 

2 commenti su “I segreti per gestire la rabbia in auto

  1. IlPrincipeBrutto
    23 luglio 2014

    >> consolidatisi nell’arco delle 150.000 generazioni che hanno preceduto gli ultimi 5000 anni di storia.
    .
    mi scuso per la pedanteria, ma certi esempi di anaritmetismo non passano inosservati. Mi pare infatti che sia il contrario, 150 mila anni, e 5000 generazioni.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe.

    • paoblog
      23 luglio 2014

      hai ragione, 😀 meglio correggere…

      grazie

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: