Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Parlare in italiano agli italiani, no? (seconda parte)

pensieri paroleQuesto post altro non che una seconda parte del precedente  Io insisto, perchè non comunicare in italiano con gli italiani?  resa obbligata dal fatto che gli aggiornamenti, anche  a seguito di segnalazioni degli Amici, sono così tante da aver creato un post senza fine.

Per approfondire puoi cliccare sul link in apertura, tuttavia come già detto a suo tempo non sono contrario a priori all’utilizzo di termini stranieri che magari possono essere intraducibili in italiano e/o scomodi da utilizzare. Ma l’abuso è un’altra cosa…

In ogni caso vi ricordo (in sintesi) le parole di Tullio De Mauro:

il 71% della popolazione italiana si trova al di sotto del livello minimo di comprensione nella lettura di un testo di media difficoltà.

Non bisognerebbe mai dimenticare che la conoscenza della lingua madre …. è alla base della capacità di orientarsi nella società e di farsi valere nel mondo del lavoro.

Sembrano constatazione banali, ma non lo sono affatto in un contesto in cui l’insegnamento dell’italiano nelle scuole soccombe all’anglofilia diffusa… 

Se ciò risulta vero, non è eccessivo affermare che l’emergenza culturale, nel nostro Paese, dovrebbe preoccupare almeno quanto quella economica.

A testimonianza del livello attuale di conoscenza della lingua italiana e/o di quel minimo di forma di scrittura, ecco qualche post correlato:

Parla come mangi, mi vien da dire…Il dono della sintesi, epr tlvt si esgr…

leggi anche: Gli anglicismi minacciano l’italiano? Quattro chiacchiere con professore ordinario di Storia della lingua italiana all’università La Sapienza di Roma.

leggi anche: “Non usare l’inglese se puoi dirlo in italiano”  di Valentina D’Urbano

Leggi anche: 300 parole da dire in italiano: la lista definitiva

NoKappa

In italiano esiste il verbo cancellare, per cui non capisco perchè arrivare a scrivere “deleta la password…” invece che cancella

 * * *

Mi scrive l’Amica Madamin che dirige un locale in centro, a Milano: Ho chiesto all’agenzia due persone per un catering…

e mi hanno risposto: Mi faccia sapere anche che grooming devono avere per la serata.

Catering è un termine entrato nell’uso comune, ma grooming?

* * *

Su Rinnovabili,it, sito con contenuti molti interessanti che si scontrano con un abuso di termini inglesi oltre ogni limite, leggo del decommissioning della centrale nucleare di Fukushima…

Scrivere Smantellamento sarebbe stato troppo facile e comprensibile…

* * *

tratto dalla sinossi di un libro: Questo libro è un viaggio nelle opportunità create dalle nuove reti e dai servizi legati all’economia collaborativa. Raccontate dalla voce viva di chi ha provato tutto in prima persona: house sharing, carpooling, social eating, foodsaving e via condividendo.

* * *

Stavo guardando una vecchia puntata de Il Testimone con Pif dedicata al set di Un posto al sole ovvero soap opera realizzata negli studi di Napoli, non di Londra… 😉

Pif si avvicina ad un ufficio e legge la targa posta accanto alla porta (testuali parole): Ah qui c’è il Brainstorming, poi il Prepilot ed una strana cosa che non capisco, la chiamano Ricerche… pochi passi ed ecco un nuovo ufficio, quello dell’Actor’s coach…. 😀

* * *

Leggo sul Corriere del Cleaning Day ovvero delle pulizie effettuare in un quartiere dai cittadini. Chiamarlo Giorno delle pulizie sarebbe stato banale, provinciale, ma sarebbe stato capito meglio dagli Incivili che sporcano che, visto il loro comportamento, va da sè che siano degli ignoranti patentati.

Screenshot 2015-04-19 15.51.56

* * *

mi scrive l’amica Madamin che opera nella ristorazione e mi ha segnalato alcune chicche contenute in una richiesta che le hanno inviato via mail, dove si parla di Timing orientativo, finger food & light beverage e di una short presentation…

* * *

Mi scrive un contatto Facebook:

Screenshot 2015-04-27 11.27.47

* * *

Scivolano tutti nell’abuso, perchè non SicurAuto?:-(

Passi il Class Action che è diventato di uso comune anche se si può scrivere Azione collettiva, ma scrivere Buying Group è imperdonabile… e scrivete Gruppo d’Acquisto come fan tutti, che diamine.

Screenshot 2015-05-14 11.17.37* * *

dire abuso dell’inglese è riduttivo; leggo che Dal 2016 in poi, ogni 7 maggio si celebrerà in Italia il “fertility day”

 * * *

tratto da un comunicato dell’Unc e gli faccio passare solo “flash mob”, ormai di uso comune e forse non facilmente traducibile…: questa campagna di comunicazione nazionale, “Io Sono Originale” girerà l’Italia con un coinvolgente road show e divertenti flash mob … un pick up personalizzato …. simpatici gadget. …. scuole di street-dance ….  una campagna di guerrilla marketing “green”

* * *

Ieri ho visto un servizio aulla App Myto; in bella vista un cartello che pubblicizza questa App per il digital wellness, per il benessere ….

se non fosse che Wellness significa per l’appunto Benessere, per cui traducendo il tutto vien da chiedersi che senso abbia scrivere Un’App per il benessere digitale, per il benessere

* * *

Davanti a me il furgone di un’azienda che installa piscine e sul retro del portellone ecco un riassunto dei loro servizi, in totale una decina di voci tra cui: Check-up iniziale (si poteva dire Collaudo o Controllo iniziale?) e la chicca Tagliando Service. Suvvia, scrivere Servizio Tagliando (se non solo Tagliando) era impossibile…?

* * *

Tralasciamo il fatto che Pavilion significa Padiglione, per cui lo si potrebbe anche definire così, comunque sia, leggo del Pavilion di Unicredit: Al terzo livello si trova la GreenHouse, location destinata a meeting, eventi di business,

Greenhouse, letteralmente Casaverde, che sicuramente è meno accattivante o, meglio, meno cool, 😉  un luogo (o spazio) destinato ad incontri, assemblee, riunioni ed eventi di lavoro.

Non sarebbe stato così difficile scrivere in italiano…

 * * *

sto facendo un giro sul sito Expo per cercare informazioni per un lettore del Blog; sto guardando la pagina in italiano e queste sono alcune delle sezioni …

Food and Beverage – Deluxuring – Mobility Center – Navetta People Mover – Open Air Theatre San Carlo – Lake Arena – Padiglioni self-built – Area Corporate

ma altre sono scritte in italiano, il che denota che non è una pagina dedicata agli stranieri (ovviamente) dato che in quel caso dubito che possano capire al volo cosa sia ad esempio: “Cascina Triulza – Padiglione della Società Civile” 

non credo di essere particolarmente puntiglioso o fissato se ribadisco che si potevano benissimo utilizzare termini in italiano, dato che, per l’appunto, questa pagina è dedicata agli italiani….

* * *

ho inviato questa foto, tratta da un menù a Madamin che dirige un noto locale in zona Tribunale (da qui l’accenno agli avvocati), a Milano; segue il suo commento…

DSCN0684

Avrei molto da ridire, sia sul dressing sia sulla forma: se mi dici che le insalate sono già condite, non mi stai offrendo il dressing ideale ma me lo stai imponendo: se vuoi fare il figo usando la parola dressing (cioè tu pensi di fare il figo), allora me lo chiedi al momento dell’ordine cosa voglio perchè magari a me il tuo dressing abbinato non piace. Oppure, ancora meglio, mi porti al tavolo l’assortimento dei tuoi dressing del cavolo e scelgo io!

Se alla mia schiera di clienti avvocati “offro” il dressing e poi porto l’insalata già condita, vedi dove mi ritrovo in un attimo: in tribunale! 😀

* * *

Complimenti a TNT che lancia un servizio sicuramente ecologico ovvero la consegna di plichi e piccoli pacchi in bicicletta.

Come si potrebbe chiamare un servizio di questo genere? Forse Servizio consegne ….in bicicletta? In bici? Su 2 ruote?

No, banale….  Meglio “Bike Delivery Service”

* * *

Secondo me le scritte sui furgoni commerciali dovrebbero servire per un primo contatto con un possibile cliente ovvero fargli capire subito chi sei e cosa fai.

Alcuni giorni fa stavo aspettando mio apdre quando la mia attenzione è stata catturata da quanto scritto sul retro di un furgone, ma non per le ragioni sopra citate 😉 in quanto è stata la scritta above and beyond che mi è parsa fuoriu luogo senpre facendo riferimento al fatto che quelli che parlano inglese sono meno di quanti ci si aspetti.

IMG_0153

In seconda battuta non era presente neanche una descrizione dei servizi se non l’immagine di un fiocco di neve che dapprima mi ha fatto pensare ad un furgone di riparazione frigoriferi, ma poi essendo lì fermo a guardarlo, ho notato che si trattava di un furgone per il trasporto di prodotti surgelati o correlati…

* * *

ricevo una mail di presentazione da una ditta di Milano;

Queste sono alcune delle nostre aree di competenza: Security management – Server management – Network management – Customer support management – Call center management – Project management – Application development – Data base administration

* * *

Rinnovabili.it si conferma il sito che abusa della terminologia in inglese. Leggo il titolo di un articolo: A Trento il prototipo per lo storage di idrogeno allo stato solido.

Storage? Non mi si dirà che era impossibile utilizzare il termine Stoccaggio (cosa che poi è stata fatta un paio di volte nell’articolo, alternandolo sempre con Storage)

* * *

Tempo fa un membro del Gruppo FB mi segnalava il suo fastidio per Save the date uno dei tanti inglesismi evitabili utilizzati oggigiorno, ma aggiungerei a questa irritazione anche la Dead line...

A testimonianza che l’abuso dei termini inglesi non equivale automaticamente a saper l’inglese ecco che a Striscia la Notizia hanno beccato due politici, di diversi schieramenti, a parlare di Tax Force anzichè Task Force

Parlare come mangiate, no?

* * *

mi arriva una mail del negozio Barbour di Milano con scritto nell’oggetto: “Invito vendita speciale” … ho scritto negozio, stupidamente, ma dovrei sapere che oggigiorno si dice Barbour Store

ma andiamo oltre, che scritta campeggia nella mail?

Screenshot 2015-10-02 08.09.38* * *

il titolo di un articolo letto, al solito, su Rinnovabili.it: Smart cities del Mezzogiorno, a Cosenza il brainstorming

* * *

Rinnovabili.it non si smentisce ed in ogni articolo che pubblicano ci sono esempi di abuso di termini inglesi.

Oggi leggo: Il watchdog ha rivelato che stava confrontando i dati emersi in laboratorio con quelli provenienti da misuratori portatili utilizzati in test su strada…

watchdog significa cane da guardia.

In questo caso il cane da guardia altri non è che il KBA ovvero l’autorità tedesca incaricata dell’inchiesta sullo scandalo VW.  Ha senso utilizzare termini inglesi, probabilmente presi pari pari dal testo originale, senza tradurli o renderli comprensibili ai più?

* * *

La Marina Militare italiana ha lanciato una campagna di reclutamento non in italiano, ma in inglese. Dalla pagina ufficiale di Facebook della Marina Militare italiana.

be-cool-and-join-the-navy-800x535

* * *

“Abbiamo una grande riforma dell’occupazione in corso”, dice Beppe Severgnini, giornalista del Corriere della Sera. “In italiano si chiama ‘riforma del lavoro’. Perché mai devono chiamarlo Jobs Act?”

* * *

La mail inviata da Cargo ha un oggetto che è la quintessenza dell’abuso dell’inglese. Degno di nota che sono molti a scrivermi per dirmi che adottano la mia stessa pratica per le mail con Save the date in oggetto ovvero le cestinano. 😉

Screenshot 2015-12-01 12.09.39

* * *

 

dillo in italiano

15 commenti su “Parlare in italiano agli italiani, no? (seconda parte)

  1. Madamin
    20 marzo 2015

    Ah, esiste il verbo Deletere in italiano? 😞

  2. Morbida Dolcezza
    20 marzo 2015

    Grooming????

    Ma basta con tutte queste parole in inglese! Forse pensano di essere più professionali utilizzando certe parole?

    Che palle….

  3. Poppea
    20 marzo 2015

    Io gli avrei risposto: se magna er grooming? 😀

  4. Poppea
    20 marzo 2015

    Ne stavo parlando col mio capo sezione ed anche lui è dello stesso avviso

  5. Francesco
    12 aprile 2015

    | house sharing, carpooling, social eating, foodsaving e via condividendo.|

    Fa venire il mal di testa…

    • Madamin
      12 aprile 2015

      Guarda, non so se è peggio questo o “l’aperitivo cenato”, termine che per la prima volta ho sentito qualche giorno fa…..

      • Paoblog
        13 aprile 2015

        che poi visto il mittente della richiesta… è disarmante… giovani e laureati, sembra che spesso sia una garanzia di ignoranza… se è questa la futura classe dirigente, siamo a posto

        che poi, leggo che ci saranno anche “3-4 persona adulte”….

        come a dire che la laureanda ed i suoi amici sono degli adolescenti?

        P.S. sarà il caso di dirle che si dice buffet e non buffè?

  6. Madamin
    13 aprile 2015

    Guarda, non hai idea di che cosa esce dalle teste di stì laureandi…….l’italiano questo sconosciuto…….

    E il brutto è che mi tocca anche rispondere…….

  7. Paoblog
    13 aprile 2015

    guardo su Goggle e scopro l’esistenza dell’apericena

    Vedi: Apericena, l’aperitivo cenato di Giovanni Lattanzi

    • Madamin
      13 aprile 2015

      Premetto che noi non facciamo “l’apericena” (e quando me lo chiedono al telefono io specifico sempre che il nostro non è un apericena ma un aperitivo) ma, questo termine è obsoleto rispetto “all’aperitivo cenato” che sta iniziando ora….

      NON C’E’ LIMITE AL PEGGIO!

      Cosa dovremo aspettarci successivamente all’apericena e all’aperitivo cenato?

      La cena aperitivata? arghhh

    • Francesco
      13 aprile 2015

      Mi fanno vomitare ’ste persone così “moderne”…

  8. Madamin
    19 aprile 2015

    | Cleaning day… |

    Pienamente d’accordo, istituirei anche il funck’in day, giornata mondiale in cui puoi mandare “a quel paese” tutta ‘sta gente.

  9. Madamin
    14 maggio 2015

    Comunque Buying group è veramente fuori luogo: class action va bene ma buying group proprio non si dice.

    E’ una forzatura dell’inglesismo.

  10. Spugna
    22 ottobre 2015

    Questo abuso dei termini in inglese dà la nausea…

  11. Marco S.M.
    22 ottobre 2015

    smart cities è un titolo coreografico… sul brainstorming non mi pronuncio.. 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: