Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se anche il cliente tedesco comincia a non pagare puntuale…

pensieri paroleAlcuni anni fa ho pubblicato alcuni post che trattavano il problema dei pagamenti, con ritardi pianificati a tavolino da parte di aziende italiane e la puntualità invece dei clienti stranieri, ad eccezione degli spagnoli.

E’ passato un pò di tempo e le cose sono cambiate e se con i clienti greci il pagamento anticipato era una norma ancor prima della crisi in atto, ecco che stessa sorte tocca ad un cliente francese che fa parte di un gruppo europeo, ma anche agli austriaci ho dovuto chiedere il bonifico anticipato.

Il cliente sudamericano si è rimesso in carreggiata ed i solleciti ora come ora non servono più, ma con il tedesco le cose stanno peggiorando.

Alla luce di quanto letto nell’articolo citato in calce, non dovrei stupirmi, tanto più che già sapevo che in Germania le cose non sono così rosee come ci vogliono far credere, ma resta il fatto che questi ritardi cronici sono un problema che si somma a quelli in corso dal 2008 ad oggi.

E neanche a farlo apposta, mentre scrivevo il post è arrivata una mail con la quale mi informano che le fatture scadute saranno messe in pagamento immediatamente.

A differenza degli italiani*, perlomeno si scusano…

(* leggi: Non mi paghi, ti faccio causa e tu metti me sulla Lista nera?)

Leggi questo articolo: Deutsche Bank, il tallone d’Achille di Schaeuble. Berlino finora è riuscita a sottrarre le sue banche alla vigilanza della Banca Centrale Europea.

A un anno di distanza gli stress test della Bce iniziano a essere rimessi in discussione.

«Secondo i miei calcoli», spiega a Lettera43.it Frances Coppola, analista americana che scrive su Forbes e New York Times, «Deutsche Bank non avrebbe passato lo stress test».

La Germania ha speso più degli Stati Uniti per salvare le sue banche durante la crisi finanziaria.

Berlino evitò anche di mettere gli aiuti a bilancio, al punto da costringere l’Eurostat a intervenire obbligandola a conteggiarli nel debito.

Leggi anche: Mancati pagamenti, non se ne può più: mi tolgo un sassolino e scrivo alla UE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: