Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Su molte vetrine, un cartello: “Cercasi personale” ed infatti una mia amica cerca un Commis di sala

Post aggiornato dopo la pubblicazione

Ieri a Vicolungo Outlet, su moltissime vetrine ho visto un cartello con scritto “Cercasi personale”, una richiesta che fa a pugni sui numeri della disoccupazione che si leggono spesso, tuttavia giusto ieri un’amica che dirige un noto ristorante a Milano mi ha scritto sfruttando il Gruppo di amici su Whatsapp:

Vorrei utilizzare questa “chat” per chiedere se conoscete qualcuno che cerca lavoro come commis di sala a pranzo, part time dalle 12.30 alle 16.30. Ovviamente assunto a libri con regolare contratto, 6 gg su 7. E qui non paghiamo certo in nero 3 euro l’ora come dicono nei servizi tv su chi fa le stagioni… Provo anche questa via, perchè non si riesce a trovare nessuno, trovare personale è una tragedia…

Ho chiesto all’amica se avessero provato tramite le Scuole alberghiere e mi ha risposto che:

Già fatto, da loro nessuno, preferiscono andare a fare l’extra e prendere 100 euro a servizio ( mediamente 10 ore) in nero. In busta paga non arrivi a 10 euro ma hai i ratei, le ferie, i Rol, la malattia e il Tfr. E all’azienda i tuoi 8 euro circa costano 16-17.

Chi fosse interessato può mandarmi un’email dopo di che gli invierò le modalità di contatto.

Purtroppo l’amica sfonda una porta aperta, visto che ho avuto gli stessi problemi e dopo una ricerca durata 6 mesi, affidata ad un’agenzia specializzata, non ho risolto.

Un paio di articoli correlati, seppur con motivazioni contrapposte:

Spiace dirlo, ma certi meritano di restare disoccupati

Manca il lavoro, ma talvolta mancano anche le capacità lavorative…

Ed un suggerimento ai più volenterosi; puntate la vostra formazione su figure professionali che oggi mancano: Manca il lavoro, mai pensato di fare la sarta?

Nello specifico, ho chiesto lumi all’amica che mi dice:

Sto utilizzando le agenzie per il lavoro e anche loro mi dicono che non hanno candidati, mai successo prima. Occasionalmente (tipo una volta al mese, perché sto cercando da quasi 1 ANNO) mi fissano un colloquio e la regola è che non si presentano (senza avvisare ovviamente). E non è una questione di stipendio perché neanche sanno quant’e’.

C’è sicuramente un fondo di verità nei servizi che fanno in tv sulle paghe orarie nei posti dove si fanno le stagioni (ho sentito anch’io) ma la realtà vera non è quella, la realtà è fatta di aziende serie che cercano personale e non lo trovano.

Solo che fa più comodo mettere in risalto quell’aspetto marginale invece di dire che le aziende della ristorazione non trovano personale perché quando dici che hai bisogno la sera (chi non esce a cena? Chi non va a fare l’aperitivo?) nessuno la vuole fare.

Vogliono lavorare dal lunedì al venerdì con orario d’ufficio e soprattutto essere pagati come il manager di una multinazionale (spesso parlano male pure l’italiano, altro che l’inglese…).

Il livello e la conseguente retribuzione sono collegati alle competenze. È innegabile anche che ci sia un problema di costo del lavoro per le aziende, ma nessuno ne parla in modo approfondito.

Le persone qualificate ben sanno cosa sia il Commis di sala, tuttavia visto che molti amici mi hanno chiesto chiarimenti, ecco cosa scrivono sul sito Camerieri.it: Perché e come diventare un commis di sala?

Nel caso in cui questa figura svolga la propria professione in un ristorante, rientreranno tra le sue mansioni:

preparare i tavoli e la mise-en-place;
fare da spola tra il locale riservato agli ospiti e la cucina, per servire le pietanze e assicurarsi che le esigenze dei clienti siano soddisfatte
sistemare i piatti su eventuali guéridon (ovvero quel carrello alto e stretto posto vicino al tavolo), per agevolarne la preparazione e il servizio;
pulire le attrezzature e sbarazzare la tavola;
accogliere e ricevere i clienti;
supporto allo chef de rang;
gestione del bar e della piccola caffetteria, somministrazione di alimenti e bevande al bancone.
Su richiesta – o meglio: in caso di necessità! – il commis si occupa anche di accoglienza e accompagnamento dei clienti verso il tavolo, gestione del conto e delle operazioni di cassa e assistenza al buffet.

Aggiornamento del 13 giugno 2022

I commenti sono chiusi da tempo sul Blog, per una serie di ragioni, per cui un lettore mi ha scritto un’email, per esprimere la sua opinione in merito:

Con riferimento al tuo post “cercasi personale…”, pur non personalmente interessato alla assunzione, vorrei fare presente che 32 euro al giorno, netti in busta paga, ma al lordo dei costi di trasporto andata/ritorno in centro a Milano, di fatto si riducono quasi a zero per chi non abita in centro a Milano. E non credo ci siano molti camerieri che possono permettersi la spesa necessaria per vivere in centro a Milano.

Non utilizzando i mezzi pubblici, ho fatto una breve ricerca sul sito di ATM ed ho notato che ci sono diverse forme di abbonamento, rivolte ad esempio a “Per le persone fino al 30° anno e con un ISEE inferiore ai 28.000 €” così come l’abbonamento urbano annuale ridotto, in base al reddito.

Quindi per quanto riguarda la prima forma di abbonamento, il costo annuale è di 200 € e validità per 12 mesi consecutivi, per cui € 200 : 365 gg = 55 cent al giorno che di certo non azzerano il compenso.

Ho poi girato l’osservazione all’amica che cerca personale che mi ha risposto:

Il CCNL prevede un compenso determinato in base al livello. Dopodiché il servizio è di 40 ore settimanali per il full time e di 24 per il part time, con straordinari, notturni, festività, ecc., tutti in busta paga.

Di giorno esistono i mezzi pubblici e la sera forse ci sono più difficoltà perché il servizio termina all’1 e alle 2 il venerdì- sabato ( anche se oggi ci sono molte possibilità in più con il car o moto sharing).

Comunque, io ho quasi 40 persone che lavorano da me e NESSUNO abita in centro (anzi, tanti arrivano dalla superperiferia e qualcuno addirittura da fuori).

Io il lavoro “fuori dalla porta di casa”, non l’ho mai trovato, ho sempre dovuto fare chilometri. E aggiungo che è sempre meglio lavorare pittosto che non stare a casa … aspettando che?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: