Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Anche in Italia le etichette d’origine per latte e latticini

Quando leggo che “Diversi paesi si sono detti contrari all’etichettatura d’origine del latte”, mi chiedo: chissa perchè? 😉

Forse, come spiega il presidente di Coldiretti nell’articolo de Il Fatto Alimentare, perchè:

si tratta di uno strumento per combattere l’inganno del falso made in Italy, portando alla luce l’origine del latte di prodotti come per esempio le mozzarelle, che nel 50% dei casi sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero.

Secondo me la trasparenza è tutto, tanto più in campo alimentare, e se qualcuno non la vuole è perchè ha qualcosa da nascondere.

Leggi: Se l’Azienda (alimentare) dialoga con il consumatore, è un vantaggio per entrambi

E visto che maggiori informazioni in etichetta ci permettono poi più acquisti consapevoli, francamente preferirei aiutare gli allevatori italiani giù sfruttati dalle centrali d’acquisto piuttosto che quelli di altri paesi che, per l’appunto, si oppongono ad una maggiore trasparenza.

Leggi: Granarolo: “Occorre valorizzare anche l’etica del prezzo”. Appunto!

latte mucca

Non essendo arrivata alcuna obiezione da Bruxelles fino ad ora in virtù della regola del silenzio-assenso, la proposta italiana di modificare le norme sull’etichettatura del latte e dei prodotti lattiero-caseari è da considerarsi approvata.

Il provvedimento prevede l’indicazione obbligatoria dell’origine del latte e della materia prima usata per produrre formaggi e yogurt, che può essere di provenienza italiana, europea o extra UE.

Se il latte è stato munto, lavorato e confezionato nello stesso paese sarà possibile utilizzare indicare “l’origine del latte”.

Quando le diverse fasi di lavorazione sono realizzate  in paesi diversi sulla confezione dovrà essere riportate le informazioni su “paese di mungitura”, “paese di condizionamento” e “paese di trasformazione”.

Se il latte proviene da diversi nazioni, l’etichetta dovrà riportare la scritta “miscela di latte di paesi UE” oppure miscela di latte di paesi non UE”. La stessa cosa vale per le altre fasi della lavorazione.

Fonte & dettagli: Anche in Italia le etichette d’origine per latte e latticini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: