Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Se fossimo capaci di boicottare i “furbetti”…

pollice giùIn questi giorni leggevo della furbata di Autostrade che a fronte di un aumento di 3 cent dell’Iva, aumenta i pedaggi di 10 cent mettendosi in tasca (a che titolo?) ben 7 cent in più.

Sebbene sia storia vecchia, ci sono poi alcune banche che applicano commissioni salate per chi preleva contante alla cassa, poi abbiano i gestori telefonici che sembrano avere la scorrettezza nel Dna e potremmo continuare all’infinito con gli esempi.

Da sempre ritengo che un boicottaggio di massa, ben fatto, sia l’unica via per far rientrare nei binari della correttezza questi personaggi, ma non è facile; chi più, chi meno, siamo tutti capaci di lamentarci, di far girare gli inutili (e fuorvianti) appelli contro l’aumento della benzina, di cliccare su Mi piace in qualche Gruppo Facebook di protesta, ma poi…?

Poi aspettiamo che qualcun altro ci tolga le castagne dal fuoco, pronti a salire sul carro dei vincitori o, se va male, ci adeguiamo alla tendenza.

Nel mio piccolo cerco di fare qualcosa, ma da solo resta un gesto simbolico.

I pedaggi autostradali alcuni anni fa sono aumentati in maniera spropositata, tanto più in relazione ai servizi offerti (cantieri, buche, ingorghi malgestiti) per cui ho deciso di ridurre i miei passaggi autostradali.

Vodafone si è comportata in modo veramente scorretto? Bene, in famiglia abbiamo spostato 4 Sim su un altro operatore.

Lo scorso anno ho anche cambiato banca, passando da Unicredit alla Bcc. Per mesi ho visto in tv lo spot di quest’ultima, che si basava sullo slogan La mia banca è differente, e ci ho sempre scherzato su visto che le banche in genere sono tutte uguali (e non è un complimento).

Comunque sia non ricordavo affatto che lo spot fosse della Bcc e me ne sono ricordato tempo fa, quando ho visto un poster in agenzia.

Parlando con il direttore, gli raccontavo che dopo un anno in Bcc mi sono reso conto che lo slogan è veritiero, in quanto ogni volta che entro in banca, pur senza avere un saldo milionario, mi sento trattato come una persona e non come un numero di conto corrente.

Considerando quello che si è saputo poi di Unicredit, che a dispetto di tutto e tutti ha evaso 650 milioni di € di tasse, bè preferisco di gran lunga una banca che nello statuto parla di Etica (cosa che mi aveva fatto sorridere. Una banca etica?)

Penso poi alla situazione creatasi nel forlivese, con centinaia di aziende italiane messe in ginocchio dalla concorrenza sleale di aziende cinesi in loco, e costrette a chiudere, lasciando a casa i lavoratori, il tutto sotto l’occhio miope, se non complice delle istituzioni e di altre aziende italiane che hanno cavalcato l’onda alla faccia della correttezza.

Potete fregarvene di decine di piccole aziende che hanno chiuso dopo 50 anni, di decine di operai/e rimasti disoccupati, tuttavia ditemi se vi fa anche piacere acqusitare a 4000 € un divano che l’azienda (francese in questo caso) ha pagato  250!

Dopo aver visto ciò che ho visto in Report, mi girano le balle al pensiero di aver contribuito alla distruzione del tessuto socio-economico nel forlivese, acquistando un divano Poltrone & Sofà, con la garanzia che fosse un prodotto Made in Italy.

Si, tecnicamente lo è, ma a che prezzo per gli artigiani italiani?

Insomma vi sono molte situazioni nella quali lo spostamento in massa dei consumatori da una parte  all’altra potrebbe fare la differenza. Ed invece da noi non succede.

Questa considerazioni sono nate dopo aver letto in un articolo di Manuela Dviri la protesta nata in Israele per l’aumento di prezzo di un formaggio, il Cottage, un prodotto simile allo Jocca che era prodotto in Israele dalla Tnuva, una società cooperativa di proprietà dei kibuzin.

Un prodotto a basso prezzo, consumato da tutti sino a che la Tnuva è stata acquistata da Apax, un fondo internazionale di investimenti che, fatti due conti, ha intravisto la possibilità di un facile guadagno aumentando il prezzo di un prodotto di largo consumo e confidando che i consumatori avrebbero accettato l’aumento, vista appunto l’abitudine radicata al consumo del prodotto.

In effetti, nonostante un aumento del prezzo dell’80%, dal 2007 al 2011, il consumo è rimasto invariato sino a che una persona scrisse su Facebook che era stufa e non avrebbe più acquistato il Cottage a quel prezzo.

150.000 persone su Facebook cliccarono su Mi piace ed 1 milione di persone non acquistò più il formaggio, facendo crollare le vendite, con perdite elevatissime, per produttori e per i supermercati, in quanto il prodotto fresco inacidisce rapidamente.

La Tnuva abbassò il prezzo, ma a quel punto era partito il vento della protesta che si allargò poi ad altri settori…

Ne saremmo capaci? Dubito fortemente…

31 commenti su “Se fossimo capaci di boicottare i “furbetti”…

  1. Pingback: Quello che dovremmo sapere prima di scegliere i jeans « Paoblog

  2. Pingback: Usiamolo noi il Comma 29 del DDL intercettazioni…. « Paoblog

  3. Pingback: La carne di squalo piace agli italiani, ma pochi sanno che… « Paoblog

  4. Pingback: La mia banca è differente? Si, in effetti lo è… « Paoblog

  5. Pingback: Vodafone bye bye… « Paoblog

  6. Pingback: Hai mai cambiato conto corrente per risparmiare? Rispondi al questionario « Paoblog

  7. Pingback: Prodotti Apple: la garanzia deve durare due anni. Punto! « Paoblog

  8. Pingback: Sciopero della benzina: Federauto dice sì « Paoblog

  9. Pingback: Farsi pubblicità sfruttando il terremoto? Da applausi… « Paoblog

  10. Pingback: Garanzia annuale, l’Ue dichiara guerra alla Apple « Paoblog

  11. Pingback: Vodafone, aumenti fino al 77%: i consumatori dicono no « Paoblog

  12. Pingback: Gli spot Danaos? L’Antitrust li giudica ingannevoli e punisce Danone con una (ridicola) multa di 180mila euro « Paoblog

  13. Pingback: Biglietti aerei online: due compagnie nuovamente segnalate all’Autorità « Paoblog

  14. Pingback: Pubblicità ingannevole: arriva la sesta censura per Kilocal | Paoblog

  15. Pingback: Daygum, Vivident e Mentos non sostituiscono lo spazzolino. Multa di 150.000 € per pubblicità ingannevole | Paoblog

  16. sara
    4 settembre 2013

    Mi permetto di consigliare, visto qualche post a tema, una Banca davvero ETICA (non solo con la E maiuscola) che si chiama appunto Banca Etica e da voce e..soldi.. ai progetti grandi e piccoli, previa valutazione di soci (si diventa soci solo con una quota minima, simbolica).

    Non ci sono manager ma banchieri ambulanti e le decisioni sono davvero chiare e trasparenti.

    Orgogliosa di esserne semplice correntista e così anche portavoce di un messaggio di cambiamento possibile, che NON contribuiscono i MIEI soldi ai lati pessimi della nostra società.

    Un caro saluto, Sara.

  17. Pingback: Ho l’auto vecchia e mi volete fare pagare più pedaggio in autostrada? | Paoblog

  18. Pingback: La Coca-Cola ci ricasca ed inganna ancora i consumatori… | Paoblog

  19. Pingback: Ritardo treni per “causa di forza maggiore”: rimborso subito! | Paoblog

  20. Pingback: Cosmetici senza glutine? Una cinica trovata pubblicitaria… | Paoblog

  21. Pingback: Devi reclamare con un’azienda? Fallo via Twitter, ecco come fare e perchè | Paoblog

  22. Pingback: Matite tossiche nei supermercati, sequesti in tutta Italia | Paoblog

  23. Pingback: Rincari autostrade 2014 – La Lega chiama alla disubbidienza, ma… | Paoblog

  24. Pingback: Tariffe “per sempre”? Si, come no; Wind e Vodafone cambiano le carte in tavola… | Paoblog

  25. Pingback: Un libro: C’era una volta la crisi | Paoblog

  26. Pingback: Italiacom cessa il servizio e chi s’è visto, s’è visto… | Paoblog

  27. Pingback: Il libero mercato? A ben vedere un mix di scorrettezza, inefficienza e… | Paoblog

  28. Pingback: L’autocritica di Marchionne: nascondere i difetti costa caro | Paoblog

  29. Pingback: Firma anche tu la petizione per dire basta alla vendita di … | Paoblog

  30. Pingback: La pubblicità di cattivo gusto paga…? | Paoblog

  31. Pingback: SanFruit di Sant'Anna: cattivo gusto e nessun rispetto per la donna — Il Fatto Alimentare

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 28 settembre 2011 da in Consumatori & Utenti, Truffatori e/o Furbetti con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: