Paoblog.net

Il tempo che ti piace buttare, non è buttato. (J. Lennon)

Per favore, non chiamateli nativi digitali

un interessante articolo di Paolo Attivissimo che puoi leggere integralmente cliccando QUI e del quale copio solo le prime battute dalle quali si capisce bene di come si usino lecose senza sapere il come ed il perchè.

In questo caso si parla di web ed informatica in genere, ma il concetto lo si può applicare ad esempio anche nel mondo automobilistico dove non è certo il fatto di aver conseguito la patente e quindi di poter guidare, a garantire alcunchè.

Si va da quello che guida l’auto sfidando le leggi della fisica (ed infatti poi si impasta, spesso coinvolgendo chi sfortunatamente incrocia la sua strada) a chi non conosce i comandi dell’auto, senza che questo gli impedisca però di usarla tutti i giorni.

Scrive Attivissimo:

Una ricerca della Bicocca smonta il mito della competenza informatica giovanile. Poiché i ragazzi usano dispositivi che si connettono in modo trasparente, invisibile, non percepiscono Internet come un’infrastruttura di base.

Stanno crescendo in un mondo nel quale non solo non sanno, ma non possono smontare, smanettare, sperimentare. Tutto questo non crea nativi digitali. Polli di batteria, piuttosto.

articoli correlati: Bambini al sicuro su Facebook? Ecco comeDemenza digitale: come la nuova tecnologia ci rende stupidiFelicemente #sconnessoGiovani in reteOcchi bassi sullo smartphone  – Se avete regalato il primo smartphone o tablet ai vostri figli, insegnategli ad usarlo…

5 commenti su “Per favore, non chiamateli nativi digitali

  1. liberticida
    17 dicembre 2013

    Ci sono molte cose che sfuggono ai “ggiovani” internettiani, spesso abili solo a inviare foto e filmati.

    Una cosa che i lascia sgomento, per esempio è la quasi totale assenza nei centri commerciali di schede madri, video e altro, se non come “ricambi”.
    Il dubbio è che l’utente medio non solo non sia in grado di smontare un computer e di rimontarlo, ma che la cosa non lo interessi proprio.

    Tranne un piccolo gruppo di smanettoni, molti dei quali interesati solamente a potenziare le prestaxini grafiche per i videogiochi.

    Eppure costruirsi il computer, installare uno o più sistemi operativi e configurali non è particolarmente difficile, e aiuta molto a capire come funzionano e come utilizzarli.

    boh?

  2. Pingback: Un libro: Felicemente #sconnessi | Paoblog

  3. Pingback: Un libro: Giovani in rete. Comprendere gli adolescenti nell’epoca di internet | Paoblog

  4. Pingback: Cyberbullismo: al via la campagna “Se mi posti ti cancello” | Paoblog

  5. Pingback: Un libro: Demenza digitale. Come la nuova tecnologia ci rende stupidi | Paoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: